Ragusa. Il Sindaco commenta i dati del 26^ rapporto Ecosistema Urbano di Legambiente

Maglia nera in Sicilia nella classifica Ecosistema Urbano, il rapporto stilato da Legambiente e Ambiente Italia. L’indagine che misura le performance ambientali delle 104 città capoluogo di provincia, ha assegnato il primo posto a Trento mentre ha destinato le città del Sud Italia alle ultime posizioni.
Catania è l’ultima della classifica mentre Siracusa, insieme a Vibo Valentia, non risultano in classifica per insufficienza di dati. Risultati scarsi anche per Palermo al 100° posto, davanti soltanto a Ragusa e Catania.“Il 26^ rapporto Ecosistema urbano di Legambiente, pubblicato da Il Sole 24 Ore e basato sui dati 2018, fotografa lo stato ambientale da cui siamo partiti: 101^, quartultimi in Italia. Su alcune voci importanti – afferma il sindaco Peppe Cassì – come Raccolta differenziata conosciamo già i passi avanti che Ragusa ha fatto (39% nel 2018 e oltre il 70% nel 2019), mentre su altri fattori cruciali come Alberi e Uso efficiente del suolo patiamo l’assenza di dati, con un valore 0 che abbassa quindi media e classifica ma sul quale siamo già intervenuti, realizzando ad esempio il primo censimento del nostro patrimonio arboreo. Positivi i dati di Energie alternative (22^), Isole pedonali (25^), Consumi idrici domestici (29^), Produzione di rifiuti urbani (38^), Capacità di depurazione (38^); mentre occorre rimboccarsi le maniche su Pm10 (94^), Biossido di azoto (98^), Passeggeri del trasporto pubblico (95^) e Offerta del trasporto pubblico (102^).

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI