Calcio, Promozione. Modica corsaro a Piazza Armerina

0
538

Sofferta vittoria del Modica Calcio che con grinta e caparbietà espugna il “Sant’Ippolito” di Piazza Armerina contro una Don Bosco 2000 Aidone, mai doma che ha lottato fino al 95′ per cercare di evitare la sconfitta casalinga.

Una gara maschia che il Modica ha provato a tenere in pugno sin dalle battute iniziali e una Don Bosco che ha cercato di ribattere colpo su colpo.

Davanti a una discreta cornice di pubblico con i “Tigrotti” supportati come sempre dai suoi instancabili tifosi, la prima azione degna di nota è di marca rossoblu. Al 12′ Pitino va via sulla destra e mette al centro per l’accorrente Kebbeh che anziché battere a rete di prima intenzione prova a stoppare la sfera che gli sfugge dal controllo e l’azione sfuma.

Al 27′ Galfo lancia in verticale per Kebbeh che da posizione decentrata evita l’uscita del portiere che tuttavia riesce a respingere con il corpo il suo traversone con l’attaccante Gambiano che finisce la sua corsa andando a sbattere sulla rete di recinzione.

Al 31′ Charty sulla destra controlla in velocità e crossa sul secondo palo per Jawara che sottomisura insacca alle spalle di Gianchino, ma su segnalazione del secondo assistente l’arbitro annulla per fuorigioco dello stesso Jawara.

Al 34′ è il Modica a passare in vantaggio. Azione tutta di prima tra Kebbeh e Noukri con quest’ultimo che dopo un rimpallo favorevole con la punta del piede tocca per Vicari che incrocia il tiro e “fulmina” il portiere per il vantaggio rossoblù.

Al 40′ arriva il pareggio della Don Bosco. Jawara fa tutto da solo recupera palla sull’out di sinistra, salta Pisana e s’invola verso la porta entra in area salta un difensore si accentra e batte sul primo palo l’incolpevole Gianchino.

Nella ripresa, parte subito forte il Modica che al 1′ va al tiro dalla distanza con Noukri con palla che si perde sul fondo.

Al 17′ Noukri serve Vicari che da buona posizione tira in porta, ma il suo diagonale finisce sul fondo non molto lontano dalla porta avversaria.

Al 24′ i “Tigrotti” tornano in vantaggio. Kebbeh conquista un calcio di punizione dai 25 metri in posizione decentrata. Lo stesso attaccante rossoblù s’incarica della battuta tirando direttamente in porta, sulla traiettoria della palla si avventa Vicari che anziché colpire di testa si abbassa e fa passare la sfera che batte a terra e poi s’insacca alla sinistra del portiere ennese nell’occasione non esente da colpe (nella foto).

Al 36′ grosso rischio per la porta rossoblu. Pitino e Basile cincischiano in area e tardano il rinvio. Charty ne approfitta, gli porta via la palla e “scarica” per l’accorrente Palermo che tira a botta sicura, ma Gianchino in tuffo miracolosamente respinge. Al 40′ il Modica resta in dieci per l’espulsione di Campailla per doppia ammonizione.. Cervillera corre ai ripari e manda in campo Melilli al posto di Vicari. Nei 5′ di recupero concessi dal direttore di gara i rossoblù non corrono nessun rischio e al triplice fischio dell’arbitro possono andare a festeggiare il successo sotto la tribuna dove sono assiepati i tifosi giunti dalla città della Contea  che domenica prossima contro il Caltagirone nel primo dei due match casalinghi consecutivi sperano di festeggiare il primo successo casalingo della stagione.

 

DON BOSCO AIDONE 1
MODICA CALCIO 2

Marcatori: PT 34′ Vicari, 40′ Jawara, ST 24′ Kebbeh

Don Bosco Aidone: Oieni, Tespi, Oliveri (ST 45′ Kantè), Franchino, Cessay, Abbate, Barrow (ST 31’Raccuglia), Sanyang, Palermo, Jawara, Charty. A disp: Grassia, Calì, Calcagno, Mililli, Minacapelli, Pinzone, Silla. All. Salvino Arena.

Modica Calcio: Gianchino, Cassibba (ST 27′ Vasile), Pisana (ST 17′ Campailla), Simone Pitino, Basile, Blandino, Noukri, Galfo, Vicari (ST 43′ Melilli), Kebbeh, Aliaj. A Disp: Mignacca, Marco Pitino, Spadaro, Carpenzano, Zacco, Arrabito. All. Saro Cervillera.

Arbitro: Gabriele Marino di Siracusa. Assistenti: Giulio Sorace e Michele Raspanti di Catania.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

uno + nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.