La solidarietà e l’integrazione protagoniste del sabato modicano

0
2625

La maestosità del Duomo di S.Giorgio ha fatto da cornice a uno dei più grandi eventi di beneficenza mai organizzati a Modica. In occasione della festa per l’indipendenza del Belize, gli ambasciatori presso gli stati europei e presso la Santa Sede Nunzio Alfredo D’Angieri e Stefan John Charles D’Angieri, hanno scelto la Città di Modica per organizzare la tradizionale serata di beneficienza che l’anno scorso si era tenuta sotto il portico di S.Pietro in Vaticano. Ingredienti locali messi a disposizione dalle aziende del territorio, le professionalità dell’Istituto Alberghiero Principi Grimaldi che hanno preparato uno strepitoso menù servito a tavola da camerieri d’eccezione tra cui, oltre agli stessi diplomatici, il Sindaco di Modica, la Giunta comunale al completo, Padre Giovanni Stracquadanio, l’Ambasciatore in Italia dell’Honduras, il capitano della GdF Antonio Schiazza e la giornalista Stefania Petix (disponibilissima e sorridente per centinaia di selfie con tutti gli ospiti) che con il suo bassotto e l’immancabile impermeabile giallo è stata una gradita ospite a sorpresa della serata. Ad allietare la serata la musica folk de ICosaruci. “La cena ha rappresentato un magnifico momento di aggregazione – ha commentato il Primo Cittadino modicano – tra persone di religioni diverse. Penso sia stata la prima volta che un Imam parlasse dal pulpito di S.Giorgio lanciando un messaggio di pace e fratellanza. Ho visto i visi contenti dei bambini, degli anziani, di tutte quelle persone con difficoltà varie che per una sera sono state lasciate da parte per stare bene insieme agli altri. Per Modica è stato un grande onore ospitare questo evento di solidarietà e ringrazio Sua Eccellenza l’ambasciatore per averci scelto tra tante Città che si erano candidate ad essere la sede. Modica, quando c’è da fare beneficenza, non si tira mai indietro e ancora una volta ne ha dato prova. Grazie a tutte le aziende che hanno messo a disposizione la materia prima, ai ragazzi del Principi Grimaldi e ai loro docenti come sempre professionali, grazie a tutte le persone che hanno servito ai tavoli e ai musicisti che si sono esibiti. Grazie a Padre Stracquadanio che ha messo a disposizione la Chiesa portando lui stesso a tavola le pietanze insieme al nuovo vicario foraneo Frate Antonello, Don Umberto Bonincontro ed il vicario generale Don Angelo Giurdanella che ha letto la missiva scritta appositamente per la serata da Papa Francesco. E per finire non si può non sottolineare il fondamentale lavoro svolto prima e durante la serata dalla famiglia Muriana dell’Osteria degli Antichi Sapori, in prima linea sempre quando c’è da fare del bene al prossimo ”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

venti + tredici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.