Come rimediare alle punture di zanzara

0
1655

Se l’estate porta con sé un gran numero di insetti, è la pioggia che crea le condizioni favorevoli alla diffusione delle zanzare: acqua stagnante nelle pozzanghere e umidità sono solo due delle cause principali della loro presenza alla quale, a volte, non si riesce proprio a porre rimedio.

Il momento più fastidioso? Dopo essere stati punti. Rossore, prurito e bruciore vanno avanti anche per ore, interrompendo un piacevole sonno o disturbando durante le ore lavorative. Ma alla sofferenza c’è un limite, ed esistono dei semplici rimedi naturali che possono aiutare ad alleviare il fastidio e a donare un po’ di sollievo dopo qualche minuto:

Ghiaccio

Passarne un cubetto, avvolto in un fazzoletto di cotone, sopra la puntura dovrebbe attenuare il prurito e rinfrescare la zona.

Saliva

Bagnare la puntura con un po’ di saliva è sicuramente il rimedio più rapido e veloce da utilizzare in casi di emergenza, efficace per ridurre prurito e gonfiore.

Dentifricio

Bisogna applicarne un po’ al mentolo e lasciarlo agire per circa 15-20 minuti. Attenua l’irritazione, oltre che il prurito.

Miele

Le sue proprietà antibatteriche lo rendono eccezionale per contrastare una puntura di insetto. Va benissimo per essere applicato sulla pelle irritato così com’è o mescolato ad un cucchiaino di bicarbonato di sodio.

Limone

Leggende narrano che, strofinando una fettina di limone sulla pelle, si eviteranno punture di zanzara. Se, però, il danno è già stato fatto, il limone aiuterà comunque d alleviare prurito e gonfiore.

Cipolla

Oltre il limone, anche la cipolla ha effetti benefici sulle punture di zanzara, riuscendo a far sparire il prurito.

Sale

Si deve sciogliere un cucchiaino di sale in un bicchiere d’acqua, intingere un batuffolo di cotone e tamponare sulla puntura di zanzara in modo da lenire l’irritazione.

Tea Tree Oil

Si tratta di olio facilmente reperibile in farmacia a base di maleleuca, un ottimo lenitivo che combatte le irritazioni della pelle in generale e, quindi, adatto anche alle punture di zanzara.

Aglio

Così come il limone e la cipolla, anche l’aglio dovrebbe essere efficace nel ridurre gonfiori e pruriti provocati dalle punture di zanzare. Inoltre, si dice che mangiarlo abitualmente aiuti a tenerle proprio lontane, prevenendo così future irritazioni.

Bicarbonato

Come già visto, lo si può usare in associazione al miele o mescolato con acqua, ottenendo una sostanza pastosa da applicare sulla puntura.

Aspirina

Strano ma vero, schiacciando una compressa e mescolandola con acqua, si otterrà una soluzione che, versata sulla puntura di zanzara, allevierà il prurito donando refrigerio.

Lavanda

Ha, di per sé, proprietà lenitive e rinfrescanti. Strofinarne, quindi, una foglia sulla puntura darà subito sollievo. Si può optare anche per un olio essenziale di lavanda, da tamponare con un batuffolo di cotone.

Aloe vera

Esattamente come la lavanda, anche l’aloe vera è famosissima per essere un ottimo lenitivo naturale. Possono essere utilizzate le foglie, così come un gel o una crema da applicare sulle punture, in modo da far sparire immediatamente infiammazione e prurito.

Altri rimedi naturali prevedono l’utilizzo del geranio, della citronella e dell’eucalipto. Questi, infatti, sono utili anche per tenere lontane le zanzare dagli ambienti attraverso il posizionamento di piante in zone strategiche o l’utilizzo di spray da diffondere nelle zone interessate.

Nel caso in cui l’impiego di piante e rimedi naturali non dovesse andare a buon fine, potrebbe essere utile dare un’occhiata tra gli scaffali di supermercati, rivenditori autorizzati o store online alla ricerca di un prodotto professionale che possa aiutare a tenere lontani questi fastidiosi insetti. La vasta gamma di insetticidi offerta da Igiene al tuo Servizio, ad esempio, comprende un gran numero di spray, trappole e prodotti di vario genere che prevengono ed eliminano la presenza di zanzare sia all’interno, che all’esterno degli edifici.

Ovviamente, si consiglia di fare attenzione: alcuni contengono delle sostanze che possono dar fastidio agli esseri umani, soprattutto ai bambini e agli animali domestici. Di norma, devono essere sempre seguite alla lettera le istruzioni riportate sulle confezioni.

Rivolgersi ad un professionista, quindi, potrebbe essere la soluzione ideale per risolvere definitivamente il problema e riuscire, finalmente, a dormire sonni tranquilli!