Ragusa. Confcommercio, ancora in sciopero i dipendenti. La Uiltucs: “Venuto meno il rispetto dei lavoratori”

Prosegue lo sciopero dei lavoratori di Confcommercio Ragusa. Uiltucs e Filcams Cgil evidenziano che ci sono ancora ritardi nel pagamento delle retribuzioni riguardo al periodo che va da dicembre 2018 allo scorso giugno. A queste somme si aggiunge anche il 75 per cento degli importi delle conciliazioni sottoscritte in sede sindacale il 24 febbraio 2018. “È inaccettabile il silenzio di Confcommercio Ragusa – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia – che non paga gli stipendi da dicembre. Il rispetto nei confronti di questi lavoratori è venuto meno e questa cosa rattrista moltissimo”.
In una nota a firma della Uiltucs, della Filcams e delle Rsa, si comunica la prosecuzione dello sciopero che va avanti ormai da giugno e proseguirà almeno fino al prossimo 30 settembre. I dipendenti per anni hanno provato a garantire la sopravvivenza dell’ente in cui lavorano da 20 anni. “Nel 2010 abbiamo accettato la collocazione in part-time, nel 2013/2014 la cassa integrazione in deroga. Ma a fronte dei sacrifici fatti la situazione aziendale non è mai realmente migliorata”.
I sindacati hanno tentato di trovare soluzioni con i dirigenti ma senza esito. I lavoratori chiedono quindi di ricevere le retribuzioni maturate e di riscuotere il credito derivante dall’accordo conciliativo, anche quello disatteso.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI