Capitaneria di Porto, Operazione “Mare Sicuro”, continuano i controlli a Pozzallo

0
548

Continua l’attività nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro 2019”, iniziata il 1° giugno scorso, della Capitaneria di Porto di Pozzallo e del dipendente Ufficio Locale Marittimo di Scoglitti per tutelare la sicurezza della balneazione e della navigazione e la difesa del litorale dall’inquinamento marino e costiero, insieme ad un’incisiva opera di prevenzione e controllo

Fino ad oggi l’attività svolta è stata caratterizzata da un pattugliamento giornaliero delle acque antistanti Pozzallo con l’impiego delle motovedette CP 2113 e CP 325, del battello veloce G.C. A07 dislocato all’interno del porto turistico di Marina di Ragusa e del gommone GC 334 presso il porto di Scoglitti, con l’impiego di militari specializzati.
A terra, lungo tutto il litorale, sono state invece, impiegate pattuglie automontate che hanno effettuato controlli di polizia demaniale marittima negli stabilimenti balneari in concessione e nelle spiagge libere dislocate sulla costa, per prevenire l’abusivismo demaniale, tutelare l’ambiente marino dagli inquinamenti provenienti da scarichi civili ed industriali e per scongiurare la pesca abusiva dalla spiaggia in orari e zone non consentite.

Da un bilancio della Capitaneria risulta che siano stati effettuati: 3.055 controlli, tra i quali 74 alle unità da diporto, 495 a stabilimenti balneari, 715 sulle spiagge libere, 1.494 a tutela dell’ambiente ed altri 277 per interventi specifici richiesti da cittadini, bagnanti e turisti per varie segnalazioni ricevute.

Sono state inoltre soccorse 4 unità da diporto per avaria agli apparati propulsivi di bordo. E’ stato calcolato inoltre che sono stati elevati 92 verbali elevati per illeciti amministrativi, per un totale di oltre 30.000 euro, tra i quali 5 per navigazione nelle acque riservate alla balneazione, 41 per violazioni al Codice della Navigazione, 11 per violazioni dei divieti imposti dalla vigente Ordinanza di sicurezza balneare, 17 a concessionari di stabilimenti balneari ed i rimanenti 18 per altre violazioni di divieti o per esercizio di attività non consentite in spiaggia.

Tre infine i reati per occupazione abusiva di aree demaniali marittime in assenza di autorizzazioni e/o concessioni con sequestro e restituzione all’uso pubblico di oltre 400 metri quadrati di tratti di spiaggia libera.

I controlli della Capitaneria di Porto di Pozzallo continueranno e verranno intensificati dal 10 al 16 agosto con ervizi di vigilanza sia in mare che a terra.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.