Basket Ragusa. Under 16, si ferma ai quarti di finale l’avventura delle finali nazionali

Si ferma ai quarti di finale la corsa delle giovani aquile Under 16 della Virtus Eirene di basket Ragusa, alle finali nazionali di Chianciano. La squadra allenata da Yvan Baglieri e Gianni Lambruschi ha provato a lottare contro Brixia Basket col punteggio finale di 69-48. Resta una prova di grande livello e la soddisfazione, più che meritata, di essere arrivati tra le prime otto squadre d’Italia. Impensabile soltanto fino a qualche anno fa. E l’imperativo di tutto il progetto I have a team, che vede in testa Gianstefano Passalacqua, non può che essere quello di cercare di spingersi oltre nei prossimi anni. “Un buon risultato perché siamo arrivati a giocarci delle partite importanti, di livello e non siamo andati solo per fare una partecipazione – dice Yvan Baglieri – Tutto questo ovviamente deve essere un punto di partenza in vista dei prossimi anni. Sappiamo il lavoro che stiamo facendo, che va sempre migliorato e perfezionato e anche queste sconfitte servono per fare un ulteriore salto di qualità, proprio come quello che abbiamo già fatto in questi anni. La cosa importante è che abbiamo costretto una squadra ben organizzata come Brixia a soffrire. Abbiamo sbagliato l’approccio e poi siamo crollati nel finale per la stanchezza. Però il rammarico di non essere riusciti a passare il turno ci fa prendere consapevolezza che questi livelli appartengono a noi e che possiamo andare ancora più avanti”. Dal 24 al 30 giugno scatteranno le finali nazionali Under 14.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI