Dimensionamento scolastico a Modica. Il Pd: “L’autonomia di Piano Gesù è già stata persa”

0
671

Come è possibile rinunciare ad assumersi responsabilità evidenti scaricandole su l’amministrazione Buscema che con responsabilità e dedizione si è fatta portavoce degli interessi del territorio di Modica Alta e dell’intera città. Se lo chiede il Partito Democratico, riprendendo una nota del consigliere comunale di Fare Modica, Alessio Ruffino.
“Il sottodimensionamento risale al 2012, ma da norma la scuola resta in ”reggenza” per il successivo anno scolastico in attesa che l’amministrazione concordi con la Regione un piano di dimensionamento ottimale – spiega il segretario cittadino, Ezio Castrusini – . I tavoli di trattativa, avviati con la Regione dall’amministrazione Buscema, che prevedevano la proposta di un unico istituto comprensivo a Modica Alta, trovarono il limite della neo eletta amministrazione Abbate, che incapaci di esprimere una proposta, accettarono le scelte della Regione: accorpare “De Amicis” a “Carlo Amore” di Frigintini. Non comprendiamo cosa possa centrare la Provincia se non il silenzio assordante di chi allora non espresse pensiero alcuno: l’allora consigliere Abbate.
Comprendiamo le evidenti difficoltà di Ruffino a ricostruire i fatti e incapace di identificarsi in maggioranza o opposizione. Per dovere di cronaca è opportuno ricordare che Ruffino nel 2013 fu eletto nelle liste che si opponevano ad Abbate per poi saltare a miglior posto al sole del 2018 quando l’affetto dell’amministrazione lo accolse tra le sedie più comode di maggioranza”.
I Dem suggeriscono a Ruffino di informarsi sull’autonomia di Piano Gesù che è già stata persa, visto che dal prossimo anno scolastico andrà in Reggenza ad altro Dirigente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.