Cub Ragusa contro l’Asp. “Colonscopie: non ci piace passare per bugiardi”

L’Aspdi Ragusa, risponde a Confederazione Unitaria di Base, smentendo, in buona sostanza, la denuncia sulle lungaggini per effettuare la colonscopia o meglio sulla impossibilità di prenotare colonsco-pie presso le strutture ospedaliere sia del capoluogo che della provincia. L’organizzazione sindacale reagisce. “E’ un fatto che da gennaio alla prima settimana di giugno nessuna colonscopia è stata prenotata agli utenti né al nuovo ospedale di Ragusa né a quelli di Modica e Vittoria.
E’ un fatto che solo il 10 giugno si sia aperto un varco a Vittoria dove si è reso possibile prenotare dal 26 luglio. Quindi: ancora niente all’ospedale di Ragusa.
Non vi è stata alcuna pretesa di svolgere l’esame nel capoluogo da parte del malcapitato utente; semplicemente nel 2019, all’1 gennaio fino al 26 luglio non vi è stata alcuna disponibilità a effettuare colonscopie in nessuna struttura sanitaria della provincia. Si informino bene i dirigenti ASP, a meno che non intendano scaricare sugli oberati impiegati del CUP le colpe delle mancate prenotazioni, visto che, a detta loro: “non ci sono mai stati periodi di sospensione del servizio”.
Sarebbe bastato semplicemente ammettere la realtà dei fatti, e annunciare che si sta cercando di porre rimedio, senza fingere che tutto funziona per il meglio e che noi della CUB abbiamo dati non veritieri. Possiamo provare in qualsiasi momento che la disfunzione è stata (ed è ancora per quanto riguarda Ragusa) vera, e che l’ASP non ha fornito alcuna spiegazione a riguardo”.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI