Elezioni Europee. Si vota solo domenica fino alle 23

0
512

Si rinnova il Parlamento europeo, per governare la nuova Europa. Si vota solo domenica dalle 7 alle 23. In Italia dovranno essere letti 73 europarlamentari più tre quando il Regno Unito uscirà dalla Ue. La circoscrizione Isole (Sicilia Sardegna) eleggerà 8 europarlamentari. Gli elettori avranno a disposizione fino ad un massimo di 3 preferenze. Non è ammesso il voto disgiunto la lista e coalizione e nelle preferenze è obbligatoria l’alternanza di genere. Accanto alla lista si possono esprimere fino a 3 preferenze, ma se si esprime più di una preferenza occorre scegliere candidati di sesso diverso per non veder annullate le preferenze successive alla prima. Dal punto di vista politico il voto europeo è una verifica anche in Sicilia della tenuta e del grado di soddisfacimento dell’attuale governo a guida gialloverde. In Sicilia, tuttavia, ci sarà da verificare lo stato dii salute di Forza Italia dilaniata dalla guerra delle candidature per le quali alla fine è prevalsa la linea di Gianfranco Miccichè. Una contrapposizione che ha portato all’uscita dal partito del sindaco di Catania Salvo Pogliese e di numerosi iscritti a conferma di un appeal ormai debole sull’elettorato siciliano, un tempo forziere di Silvio Berlusconi. Anche per la sinistra è una verifica importante dopo l’arretramento in tutte le più recenti competizioni elettorali. Da verificare la tenuta della Lega che cerca di farsi largo a gomitate in un territorio fino a poco tempo fa ostico. Altro dato sensibile è il dato dell’astensione che si annuncia alto. Le previsioni sono di una quota sul 50 per cento ma è una quota abbastanza ottimistica.

La Lega presenta Matteo Salvini, Maricò Hopps, Igor Gelarda, Angelo Attaguille, Annalisa Tardino, Francesca Donato. La lista di Fratelli d’Italia viene capeggiata da Giorgia Meloni, Raffaele Stancanelli, Carolina Varchi, Luca Cannata, Maria Fernanda Gervasi, Francesco Rizzo, Antonella Zedda e Francesco Scarpinato.

Casapound Simone Di Stefano, Rosamaria Volcan, Francesca Caria, Giusy Morello, Giuliana Pinna, Pierluigi Reale, Vittorio Susinno e Luca Virdis.
Movimento Cinque Stelle sono Alessandra Todde (indicata da Di Maio), e i vincitori delle europarlamentarie Ignazio Corrao, Dino Giarrusso, Flavia Di Pietro, Matilde Montaudo, Donato Forcillo, Antonio Brunetto, Antonella Corrado.

Il Partito Democratico, alla sua prima prova con Nicola Zingaretti segretario nazionale, ha schierato Caterina Chinnici, che capeggia la lista, Pietro Bartolo, Andrea Soddu, Michela Giuffrida, Attilio Licciardi, Virginia Puzzolo, Mila Spicola e Leonardo Ciaccio.

Più Europa manda avanti Fabrizio Ferrandelli, Pietrina Putzolu, Stefania Ficani, Giuseppe Sanò, Silvia Manzi, Marco De Andreis, Maria Saeli e Elia. La lista è un mix di verdi e radicali e anche di pezzi partito socialista.

La lista Europa Verde è capeggiata da Nadia Spallitta,con Egidio Trainito, Raffaella Spadaro, Claudio Torrisi, Elvira Maria Vernengo, Filippo Occhipinti, Ilaria Fagotto e Giuseppe Cuschera.

Il Partito Comunista si presenta con Marco Rizzo, Laura Bergamini, Alberto Lombardo, Giovanna Bastone, Giuseppe Doneddu, Silvia Stefani, Calogero Bavetta e Eleonora D’Antoni.

La Sinistra ha il suo capolista in Corradino Mineo, poi ci sono Vera Pegna, Karim Hannachi, Anna Bonforte, Matteo Iannitti, Giovanna Cosenza, Omar Tocco e Cristina Ibba.

Forza Nuova ha come capolista Roberto Fiore, Maria Borgia, Antonino Currò, Monica Grillo, Pasquale Alba, Antonina Impellizzeri, Agatino Sapia e Alessia Augello.

Europa Verde presente come capolista l’avvocato Nadia Spallitta, ex vice presidente del consiglio comunale di Palermo, seguita dal fotografo sardo Egidio Trainito; poi la messinese Raffaella Spadaro, attivista dei Verdi, il catanese Claudio Torrisi, già assessore regionale all’Energia, Elvira Maria Vernengo, animalista di Palermo, Filippo Occhipinti, già consigliere comunale a Palermo, la siracusana Ilaria Fagotto, storica ambientalista, e il docente agrigentino Giuseppe Cuschera.

In campo anche la lista Partito Pirata, partito molto conosciuto in Europa, che già a avuto un suo rappresentante, con capolista Stefania Calcagno, segue Luigi Di Liberto, Cristina Diana Bargu, Paul Stephen Borile, Sara Bonanno, Rosaria Cuomo, Emmanuele Somma

La lista Il Popolo della Famiglia-alternativa popolare, con capolista Nicola di Matteo, segue Barbara Figus, il palermitano Salvatore Anello,, Eleonora Pagano, Giovan Battista Montemaggiore, Elena Di Pietra, il gelese Fabio Nalbone, infine Maria Daniela Paglietti.

Il neo partito animalista ha come capolista Stefania Calcagno, seguita da Luigi Di Liberto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.