IN PUNTA DI LIBRO…. di Domenico Pisana. La silloge poetica, “Cancia lu ventu”, di Cinzia Sciuto, poliedrica artista catanese

0
489

Poesia intrisa di musicalità e specchiata nei circuiti più profondi di una coscienza pensante, è quella che Cinzia Sciuto offre ai suoi lettori con la pubblicazione “Cancia lu ventu”, raccolta poetica con la quale esordisce entrando, con passione e sentimento, nella Casa delle Muse.
L’autrice, catanese, vanta una consolidata esperienza nel mondo dello spettacolo, tant’è che è stata ospite, fra l’altro, a Omnia Arte Festival, kermesse artistica che si tiene ad Acicastello, e al Dedalo Festival, un interessante viaggio tra le vie dell’arte di Caltabellotta.
Poesia, musica e canto costituiscono, certamente, le linee di movimento del logos poetante dell’autrice, che ama la Sicilia e la interpreta nelle sue tradizioni, nella sua cultura, nella sua arte e in tutte quelle articolazioni artistico-letterarie che spesso l’hanno vista partecipare ad importanti presentazioni di libri di autori illustri, tra i quali Matteo Collura, Emanuele Macaluso, Antonio Ingroia, Giuseppe Cantavenere, biografo di Rosa Balistreri.
“Cancia lu ventu” è un testo di poesia in lingua siciliana ove l’autrice
dichiara apertamente, come del resto attesta l’epigrafe di apertura ripresa da “Notturno” di Gabriele D’Annunzio, tutto il suo intento, ossia quello di “rivelare l’etre”, cioè tutto il suo essere, tutta la sua dimensione interiore, con la consapevolezza che nella parola poetica e nel canto si può trovare il respiro della vita e il senso del cammino esistenziale “incontro all’ignoto nelle vie della terra”, come afferma D’Annunzio.
Già la poesia di apertura, che titola la raccolta, è la presa d’atto che la vita è un viaggio nel quale bene e male, luci e tenebre si affollano nella “mimoria di jorna ‘mpitrati / ntra lacrimi amari di scunfitta, / cuteddi affilati di vigliacchirìa, / vuci buriusa d’ammutinamentu”; tuttavia , dice la poetessa, non bisogna disperare perché

“…Cancia lu ventu,
e si porta d’appressu la me vita
pp’abbffuniari la morti”. *
*Trad. it.: “…Cambia il vento, / e porta con sé la mia vita / per raggirare la morte”.

Tutto il corpus poetico della raccolta poggia su una dinamica di momenti creativi che fanno del vento il filo conduttore della sensibilità femminile dell’autrice, la quale riesce a reagire con fermezza all’ethos di fragilità che caratterizza il cammino dell’esistenza. E difatti, Cinzia Sciuto non manca di opporsi alla vigliaccheria, né si arrende in presenza di “Lu ventu mpignusu”, consapevole di doversi impegnare “a cummattiri sula, / contro la sorti ‘nsarvaggiuta, / affamata di carizzi pietusu / ca non vienunu mai”, in “T’aspittava”).
La versificazione di “Cancia lu ventu” scorre ora sui fili della memoria che rievoca momenti della fanciullezza ( “…Caminamu e curremu / ppi li stissi strati / ca ni vistunu jiucari nsemi / quann’eramu picciriddi”, in “Figghi” ); ora si snoda in una meditazione che alterna al lamento del cuore ( “Parunu spirduti li pinseri / ammuttati di lu ventu …”; “Mussu ccu mussu staiu /ccu la malincunia, / e non ci parru…”) intense folate di speranza:

“Agghiuttu ciaru di spiranza, manciu terra e paroli
cunzati ccu ogghiu di pinitenza
e sali di canuscenza…”
(Ma pirchì)
*Trad. it.: “Inghiotto odore di speranza ,/ mangio terra e parole / condite con olio di penitenza / e sale di conoscenza…”

“Passau lu tempu di li spini vilinusi,
ora vinni lu tempi di li rosi”.
(Furunu tempi)
*Trad. it.: “E’ passato il tempo delle spine velenose, / ora è venuto il tempo delle rose…”

“…Jorna novi
mi virrannu ncontru
ccu lu surrisu malantrinu,
e ducizzi di paroli
poi farannu festa…”
(E aspettu)
*Trad.it.: “…Giorni nuovi / mi verranno incontro / con il sorriso accattivante, / e dolcezze di parole / poi faranno festa…”

La poesia di Cinzia Sciuto è voce dell’anima che sa scrutare nel profondo, e che sa cogliere i chiaroscuri dell’esistenza con un linguaggio di forte realismo e con un’intensa “vis interiore”; la poetessa porta sulla pagina la stessa passione con la quale canta le bellezze e i valori della tradizioni siciliana, avendo come punto di riferimento Rosa Balistreri ( “ora ca tu divintasti bannera / intra lu me cori…”) e interpretando il senso collettivo di una sicilitudine che sa esprimersi in bellezze di relazione, in ricchezza di pensiero e in atteggiamenti che non sono solo di folclore, ma di fede religiosa che sa commuoversi di fronte al dolore dell’uomo-Dio inchiodato sulla croce:

“Ti visti, ‘n jornu,
ccu lu coddu calatu e l’occhi chiusi,
Ti visti, palumma janca senza cchiù vuci,
appinnutu a lu chiovu ‘nfami di la cruci,
e lu sangu Ti scurreva di la frunti
a vagnari sta terra ‘ngrata
ca non Ti vuleva.

Lu ‘ntisi lu To chiantu mutu e sularinu,
l’ultima vuciata di spiranza
di la To vucca stanca e senza cchiù valìa…”
(Pigghiami ppi la manu)
*Trad. it.: “Ti vidi, un giorno, / con il collo chino e gli occhi chiusi, / Ti vidi, colomba bianca senza più voce, / appeso al chiodo infame della croce. / e il sangue Ti scorreva dalla fronte / a bagnare questa terra ingrata / che non Ti voleva. / L’ho sentito il Tuo pianto silenzioso e solitario, / l’ultimo grido di speranza / dalla Tua bocca stanca e senza vigore…”

La silloge “Cancia lu ventu” è dunque un itinerario di rilettura della vita personale e sociale dell’autrice, ove si sostanziano pensieri e sentimenti che non sono, tuttavia, solo personali, ma assurgono a orizzonti universali toccando il tema della memoria, dell’attesa, del dolore, della solitudine e della malinconia, della fede e dell’amicizia, dell’amore e della speranza. Cinzia Sciuto costruisce anche, con una libera versificazione, il quadro di una Sicilia “granni e maistusa”, maestosa per le sue espressioni paesaggistiche, monumentali e culturali, e grande perché terra di accoglienza e di umanità inquieta, ma innamorata della vita:

Nuatri semu ggenti
ca mai tròvanu paci
sutta ‘na cruci di cinniri e di braci

eppuri

‘nnammurati di ‘stu focu,
ni facemu ciamma e scurremu,
‘tra il canni fumarii di la vita.
(Semi ggenti)
*Trad. it.: Noi siamo gente / che mai trovano pace / sotto una croce di cenere e di brace / eppure / innamorati di questo fuoco, / diventiamo fiamma e scorriamo / dentro le canne fumarie della vita.

Nella poesia di Cinzia Sciuto non si trovano sicuramente aliti di retorica, ma soltanto sentimenti di schiettezza che stigmatizzano i vissuti umani con rappresentazioni realistiche che ricorrano a metafore, simbolismi, cose e figure in grado di indurre alla riflessione: “Semu fatti accusì, / “cavaddi pazzi” / ca ni tiramu l’occhi / ppi putiri fari finta di chianciri. / Accarizzamu sonnira / di ummira d’onnipotenza / n’appinnemu a fulìnii / d’ali d’angelo (…) Addivintamu vucchi / ca isanu mura di minzogni / e ppoi ni scantamu / quannu lu murmuìu di lu ventu / addiventa lamentu…”, in “Visti lu suli” (Trad.it.: “Siamo fatti così, “cavalli pazzi” / che ci strappiamo gli occhi / per poter fare finta di piangere. /Accarezziamo sogni / di ombra di onnipotenza, / ci appendiamo a ragnatele / di ali d’angelo (…) Diventiamo bocche / che alzano mura di menzogne / e poi ci spaventiamo / quando il mormorio del vento / diventa lamento”, in “Ho visto il sole”).

Cinzia Sciuto è un’artista che attraverso la poesia e il canto partecipa attivamente alla vita pubblica della sua terra di Sicilia, senza paure di affrontare “il vento” da qualunque direzione esso provenga, e con quel realismo critico che nei suoi versi si fa confronto con il mondo oggettivo; l’autrice, come può notarsi dalle varie citazioni, mira ad un poesia come luogo espressivo di sentimenti essenziali, limpidi ed eterni, aprendo una sorta di finestra sulla vita con un linguaggio sorretto dal bisogno di entrare in dialogo con il lettore utilizzando quasi il parlato quotidiano, quello della sua terra di Sicilia, una terra che per la poetessa rappresenta quasi una metafora del mondo.
E se, da una parte, nelle sue poesie , come anche nelle sue esibizioni musicali, con le quali esercita l’arte del “Cantu e Cuntu”, Cinzia Sciuto entra nella complicata realtà siciliana mantenendo fede ad alcuni valori come la giustizia e la libertà e sensibilizzando, con temi sociali, il mondo culturale contemporaneo, dall’altra il suo poetare è un’ appassionata esortazione a non dimenticare la grande tradizione dei padri e dei grandi uomini, artisti, poeti e scrittori della terra di Sicilia, nonché un invito a sostare davanti allo scenario d’incanto che dall’isola da sempre si è esteso nel mondo. E se , per concludere, il grande Bufalino nella sua “Lettera da un’ isola ad una penisola” scriveva “…Terra difficile, la Sicilia…, ma di cui non si può trovare l’eguale al mondo” , Cinzia Sciuto con il suo canto, la sua chitarra e la sua poesia si fa voce di questa ineguagliabile terra di Sicilia esaltandone la bellezza, il sole, il mare e i tesori d’arte a cuore aperto:

“ Fèrmiti, assèttiti,
sulu ppi ‘n mumentu,
talìa quanti sunnu li biddizzi
di la to Terra ca ti stannu davanti.

Lu mari t’arridi
come ‘n carusiddu
e voli jiucari ccu li to’ pinseri.

Lu suli, mmidiusu, t’ammustra macari
quatri pittati di li so’ culuri.

Lu ventu ca ti pigghia ppi la manu
e ti porta ccu iddu a rispirari
di la campagna virdi li capiddi
e di rosi lu ciatu d’amuri.

E tu di sti tisori
mancu ti nni curi,
li lassi suli,
intra li peni granni,
di vidiri a nuatri nnffirenti.
(Fermiti)
*Trad. it.: Fermati, siediti, / solo per un momento, / guarda quante sono le bellezze / della tua Terra che ti stanno davanti. / Il mare ti sorride / come un ragazzino / e vuole giocare con i tuoi pensieri. / Il sole, invidioso, pure lui ti mostra / quadri dipinti con i suoi colori. Il vento che ti prende per mano / e ti porta con lui a respirare / i capelli verdi della campagna / e delle rose il sospiro d’amore. / E tu di questi tesori / neanche te ne curi, / li lasci da soli / tra i grandi dispiaceri / di vederci indifferenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

2 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.