#FuturoAlLavoro, l’Ust Cisl Ragusa Siracusa con 200 lavoratori, pensionati e dirigenti sindacali alla manifestazione nazionale unitaria del 9 febbraio a Roma

Sono 200 i lavoratori, i pensionati, i dirigenti sindacali che la segreteria dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa porterà sabato 9 febbraio a Roma, in piazza San Giovanni, per partecipare alla manifestazione nazionale unitaria #FuturoalLavoro proclamata da Cgil, Cisl e Uil. “Una manifestazioni in cui – spiega il segretario generale dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa Paolo Sanzaro – oltre ad appoggiare i contenuti della piattaforma unitaria con cui si avanzano una serie di proposte per chiedere al Governo Conte di aprire un confronto serio e di merito sulle scelte da prendere per il Paese, metteremo in evidenza le criticità del nostro territorio, della parte più a Sud di un Mezzogiorno che ancora una volta rischia di essere dimenticato dalle politiche di rilancio. Sotto i riflettori, naturalmente, la questione infrastrutturale, dalla Ragusa-Catania all’autostrada Rosolini-Modica, ma anche le infrastrutture immateriali per non parlare del trasporto ferroviario sempre fermo all’anno zero. E ancora, come sindacato, vogliamo scommetterci sul rilancio dell’industria compatibile con la tutela ambientale del nostro territorio per non parlare della più complessiva questione della sicurezza. E poi c’è il triste fenomeno dei giovani che continuano a migrare, a lasciare il territorio per cercare speranze di realizzazioni professionali altrove”. Il segretario Sanzaro aggiunge che “il nostro obiettivo è quello di portare a Roma la fotografia dei disagi del territorio ma anche la triste problematica delle nuove povertà. In sintesi, tutte le contraddizioni di un Sud Est che, purtroppo, non riesce a decollare. E che difficilmente potrà farlo se non si guarda a questa parte del Mezzogiorno con un’attenzione differente rispetto alle numerose emergenze che attanagliano il Paese. Chiediamo risposte. Ma che siano concrete e reali. Risposte in grado di risolvere i tanti nodi ancora irrisolti che non mettono in condizione l’intero territorio di potersi assicurare quei risultati di crescita al sistema produttivo, fatto per lo più di piccole e medie imprese, e quell’incremento di benessere che porterebbe sollievo non solo ai lavoratori ma anche alle fasce più deboli, compresi i pensionati”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI