Ispica, grande festa per i 20 anni dell’ A.s.so.d.

0
440

È stato un vero e proprio ingresso in società con tanto di abito lungo quello dei “ragazzi” dell’Assod(Associazione Servizio Ccivile e Sostegno Disabili). In occasione infatti dei vent’anni dalla costituzione dell’associazione, è stata organizzata una grande festa dove i protagonisti sono stati loro, gli ospiti speciali di Casa Chiara e di Casa Volontariato. L’evento, si è tenuto al Palazzo Mercato di Ispica, ed ha visto la presenza del sindaco Pierenzo Muraglie che, ha ribadito, la vicinanza dell’Amministrazione all’Associazione ritenuta, fiore all’occhiello della città e, simbolo di come insieme è possibile realizzare qualcosa di utile e concreto per il bene degli altri. La serata è iniziata e si è conclusa con l’inno dell’associazione “Gente di Cuore”. Ed è grazie alla gente di cuore che in 20 anni tutto questo si è potuto realizzare. Toccante la testimonianza del fondatore, nonché presidente dell’Associazione, Paolo Santoro e della moglie Marcella, che hanno raccontato la storia della nascita di questa bella realtà che ha dato sollievo a tante famiglie che come loro hanno avuto dei figli disabili. Nel corso della serata sono stati premiati i soci fondatori e i benefattori grazie ai quali il sogno è divenuto realtà. Fra questi la famiglia Marchetti che vive in Canada e che grazie al collegamento in streaming ha potuto portare la propria testimonianza ed il proprio saluto arricchendo ancora di più con la loro presenza questa serata ricca di tante emozioni. E siccome non bisogna mai smettere di sognare è stato anche presentato un progetto per realizzare un centro turistico riabilitativo e ricreativo nella stupenda zona di Marina di Marza, dedicato ai ragazzi con disabilità e alle loro famiglie e in grado di dare ospitalità anche famiglie che provengono da altre città e offrire un punto di accoglienza per stare bene insieme. Un cuore grande quello del Presidente Santoro e della sua famiglia, riconosciuto da tutti i presenti che hanno riservato loro parole di stima e di affetto per ciò che è stato fatto e ciò che verrà ancora realizzato dall’associazione, per dare dignità ai “ragazzi” con disabilità e alle loro famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 + 6 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.