Vittoria. Dopo le sanzioni comminate a pub e pubblici esercizi, l’Ascom ha tenuto un’assemblea per fare il punto

0
493

Detto, fatto. La sezione Ascom di Vittoria ha riunito associati e non solo in assemblea dopo quanto accaduto nei giorni scorsi alla luce delle pesanti sanzioni comminate in danno a pub e pubblici esercizi. Erano presenti i titolari delle attività. A presiedere l’assemblea il presidente della sezione cittadina dell’associazione dei commercianti, Gregorio Lenzo, alla presenza dei dirigenti associativi cittadini e provinciali, in testa il presidente provinciale Confcommercio Ragusa Gianluca Manenti. “La nostra associazione – sottolinea il presidente Lenzo – ha promosso questa assemblea con l’intento di farsi promotore di un successivo incontro con la triade prefettizia a palazzo Iacono. Il nostro obiettivo è quello di andare avanti nella maniera migliore per instaurare un dialogo costruttivo con i commissari”. Numerosi i punti che sono venuti fuori dal confronto proficuo con i titolari dei pub e dei pubblici esercizi i quali hanno manifestato la loro volontà di rispettare le regole. E’ stato messo in rilievo il loro ruolo di protagonisti e di pionieri della movida ipparina che da anni suscita dinamiche virtuose e catalizza flussi provenienti da tutto il territorio ragusano. Nel corso dell’assemblea, l’intervento del presidente provinciale Manenti è servito a mettere ulteriormente a fuoco il ruolo dell’associazione, rafforzandone le peculiarità. Inoltre, Manenti ha informato i presenti sul fatto che con l’avvio dei percorsi di rigenerazione urbana dei centri storici sarà possibile agli associati, e non solo a loro, di proporsi sotto una veste differente. “Sarà un modo – ha aggiunto Manenti – di promuovere il rilancio economico, sociale e culturale della stessa città in cui si opera”. Adesso l’Ascom ha inoltrato la richiesta d’incontro alla triade prefettizia e si resta in attesa di un confronto che posso risultare produttivo per garantire risposte certe all’intera categoria.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

uno × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.