Calcio, Promozione. Colpaccio del Pozzallo con la capolista Ragusa

0
442

Colpaccio del Pozzallo in casa della capolista Ragusa. Due gol in 5′ sul finire di gara degli ospiti mettono in ginocchio il Ragusa. La gara è stata molto combattuta con il Pozzallo che parte forte e costringe Aglianò a due decisivi interventi a seguito di altrettante conclusioni di Porto, al 1′, e di La China, al 9′. La capolista alla mezzora perde Mazza per un fallaccio su Porto ma poco dopo, Gargiulo approfitta della distrazione della difesa ospite e porta in vantaggio i padroni di casa. Prima di andare al riposo Dongola e Ricca si scambiano colpi proibiti e vengono espulsi. Nella ripresa il Ragusa spreca con Mogni il possibile raddoppio con Jaye battuto e la palla che si stampa sul montante. Il Pozzallo comincia a prendere campo approfittando del calo ragusano. Al 40’ con una palla di Fusca determina un batti e ribatti in area. Sangiorgio spinge dentro la porta e pareggia. Il Ragusa vuole vincere e si scopre al contropiede del Pozzallo che vola con Porto, il quale scavalca Aglianò e insacca l’uno-due finale.
Ragusa-Pozzallo:1-2
Marcatori
: 31’pt Gargiulo, 40’st Sangiorgio, 45’st Porto

Ragusa: Aglianò (45’st la Licata), Mazza, Principato, Valencia, Ricca, Lombardo, Butera, Linares (30’pt Priola), Gargiulo (27’st Passewe), Filicetti, Furnò (1’st Mogni)

Pozzallo: Jaye, Iabichella, Occhipinti (5’st Melilli), Drago, Maltese (20’st Azzarelli), Dongola, S. Drago (5’st Sangiorgio), Fusca, Carrabino (43’st Peluso), La China (16’st Gjoci), Porto

Arbitro: Augello di Agrigento
Note: espulsi Mazza 20’pt, Dongola 40’pt, Ricca 41’pt

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

2 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.