Tentato furto a Modica. I cani costringono i ladri a fuggire

0
3378

I ladri avevano già danneggiato la finestra per introdursi in casa quando l’insistente abbaiare del cane ha attirato l’attenzione di un vicino, costringendo i malviventi a desistere dal compiere il furto. Quando si dice cane che abbaia non morde… ma fa comunque il suo dovere! L’episodio è accaduto intorno alle 19 di giovedì scorso in contrada Torre Cannata. Il proprietario della casa, avvisato per telefono dal momento che durante il tentato furto era altrove, ha a sua volta chiamato i carabinieri, i quali hanno accertato l’effrazione, con vistosi danni alla finestra. Il vicino di casa, insospettito oltre che dall’abbaiare del cane anche da una torcia che si vedeva nel buio della zona, ha raccontato ai militari di aver visto due uomini piuttosto alti, di cui uno particolarmente magro, avvicinarsi alla casa presa di mira, il cui cane ha cominciato ad abbaiare insistentemente. Uscito fuori per vedere di chi si trattasse, l’uomo ha visto i due malviventi dileguarsi a piedi. I successivi controlli nella zona da parte dei carabinieri non hanno dato comunque esito. La contrada Torre Cannata e le zone limitrofe erano già state prese di mira dai ladri anche lo scorso anno, più o meno nello stesso periodo, con ripetute razzie ai danni di case private ed esercizi commerciali. Un episodio analogo è accaduto la sera della vigilia di Capodanno anche in contrada Torre Rodosta, dove i residenti hanno visto aggirarsi in zona un furgone sospetto con 4 persone a bordo, di cui 2 scese dal veicolo per attraversare a piedi i campi adiacenti le case. In questo caso è intervenuta la polizia, che, pur pattugliando per almeno un paio d’ore la zona, non ha rintracciato le persone sospette. Le forze dell’ordine hanno comunque intensificato i controlli in questi giorni di festa e la presenza costante viene notata dai residenti, i quali percepiscono un maggior senso di sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

dieci − quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.