Disservizi negli ascensori del nuovo ospedale di Ragusa. La denuncia del Consigliere Malfa

0
526

“Nei giorni scorsi abbiamo preso atto di alcune polemiche che riguardavano la funzionalità o meno di alcuni aspetti del nuovo ospedale Giovanni Paolo II. Non scendo nel merito perché non ho contezza della fondatezza o meno delle segnalazioni seppur provenienti da un gruppo politico presente in Consiglio comunale a Ragusa. L’unica cosa che posso dire, e ho già girato la relativa comunicazione all’assessore comunale alla Sanità, Luigi Rabito, è che mi sono arrivate delle lamentele per il malfunzionamento degli ascensori interni del nuovo ospedale. Addirittura, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire ben tre volte solo nell’arco di una settimana”. A mettere in rilievo la circostanza è la vicepresidente del Consiglio comunale, Maria Malfa, che si è rivolta alla Giunta municipale proprio per far sì che si possa verificare questo aspetto. “Ho ottenuto, intanto – continua Malfa – delle rassicurazioni sul fatto che le anomalie sono contenute al massimo. E che, comunque, trattandosi di una struttura enorme e nuova ci può stare che si verifichino delle problematiche che si presuppone possano essere risolte il prima possibile. Per quanto riguarda la questione degli ascensori, mi è stato espressamente detto che occorrerebbe sostituire le pile degli elevatori che, essendo rimaste in disuso per parecchio tempo prima dell’attivazione ultima, non funzionerebbero al meglio. E’ chiaro che i tecnici potranno fornire le necessarie risposte in tale direzione. E, però, se così stanno le cose, sarebbe meglio intervenire al più presto possibile per evitare di continuare a chiamare i vigili del fuoco (e le tre chiamate in una settimana risultano) che magari potrebbero essere impegnati a gestire situazioni di soccorso più complicate. Auspico davvero che il problema possa essere affrontato e risolto nella maniera migliore”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quattro × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.