Comiso, Vussia: Dalla nomina del nuovo AD, quasi venti giorni e altri duecentomila euro di debito.

0
407

L’aeroporto di Comiso ha perso circa altri duecentomila Euro dal giorno della nomina del nuovo amministratore delegato. Le domande che rivolgiamo agli amministratori e ai soci della Soaco sono: quanti altri soldi dei viaggiatori e dei contribuenti saranno buttati senza porre in essere alcuna azione di recupero? Per quale motivo il nuovo amministratore delegato non ha ancora ricevuto le deleghe da parte del Consiglio di Amministrazione? Cosa nascondono i conti dell’aeroporto? È possibile che i soci stiano cercando qualcuno che si assuma la responsabilità di apporre le proprie firme a bilanci e azioni gestionali non conformi alla legge?

Il Vussia ribadisce che dalla sua costituzione ha posto molte domande puntuali alle quali nessuno dei soci, degli amministratori o dei manager ha mai risposto. Le fughe in avanti sull’area Cargo o sui progetti stradali e ferroviari non spiegano come farà l’aeroporto ad arrivare a febbraio, considerato che il prestito ponte della SAC non potrà essere versato nelle casse di Soaco prima di un anno, se andrà tutto bene. Il sostanziale flop sulle nuove rotte, la riduzione pesante del traffico, la sostanziale inazione nel non affrontare il problema principale, e cioè i costi spropositati e non giustificati dell’aeroporto Pio La Torre, sono tutti sul tappeto e nessuno se ne occupa, tra un galà di fine anno e una conferenza pubblica che non spostano di un millimetro la pesante eredità costruita in cinque anni di gestione inefficace e inefficiente che, secondo le parole del presidente Meli, ‘risponde ad un solo soggetto e cioè a Catania’.

Secondo Claudio Melchiorre, presidente del Vussia, “il Comitato può fare domande, ma le risposte spettano a tutti i soggetti che in questi giorni hanno preso posizione sulla gestione del sistema aeroportuale siciliano e che nella vicenda di Comiso sono direttamente interessati. L’unica certezza è che altri trecentomila euro di debiti si sono accumulati da quando l’ex ad Giorgio Cappello si è dimesso.”

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

2 × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.