“Dammi il cellulare”, poi botte ed insulti ad un ventenne gay a Vittoria

Lo hanno picchiato con pugni alla testa, al viso e al torace per essersi rifiutato di consegnare il proprio cellulare. “Dammi quel telefono frocio, che devo fare una telefonata”, avrebbe detto uno del branco composto da sei giovani, presumibilmente minorenni. Al rifiuto, l’aggressione. Solo l’intervento del titolare di una pizzeria ha evitato il peggio dato che la vittima, un 20enne omosessuale, si è potuto mettere in salvo nel locale.
Il giovane ha denunciato alla polizia l’accaduto. In ospedale lo hanno medicato per contusioni alla testa, allo zigomo destro a al costato, giudicandolo guaribile in cinque giorni. Nell’esposto, presentato insieme al suo legale, l’avvocato Nunzio Valerio Palumbo, la vittima ha raccontato di essere da tempo pedinato e insultato. Indagini sono state avviate dalla squadra mobile della Questura di Ragusa.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI