Servizi di assistenza specialistica per studenti disabili prorogati sino al termine dell’anno scolastico e potenziati di un’ora

I servizi di assistenza e di trasporto degli studenti disabili psicofisi e sensoriali degli istituti superiori scolastici della provincia sono stati approvati sino al termine dell’anno scolastico con delibera commissariale con i poteri dell’organo assembleare. Il servizio era coperto sino al mese di dicembre e nonostante ancora la Regione siciliana non abbia emanato le norme necessarie per la determinazione dei fabbisogni e dei costi standard nonché delle somme da trasferire ai Liberi Consorzi Comunali che svolgono una funzione delegata per conto della Regione, il Commissario straordinario Salvatore Piazza ha deciso la prosecuzione del servizio dal 7 gennaio sino al termine dell’anno scolastico senza soluzione di continuità. I servizio riguardano l’assistenza e il trasporto degli studenti disabili psico-fisici e sensoriali nonché il ricovero presso strutture specializzate dei soggetti non vedenti. La somma prevista per coprire il servizio è un milione e mezzo di euro.
Con lo stesso provvedimento il Commissario straordinario ha proceduto al potenziamento del servizio di assistenza specialistica all’autonomia in favore degli studenti disabili psicofisici con l’incremento di un’ora al giorno del servizio. Fino al 30 novembre gli studenti hanno potuto contare su due ore di assistenza ma dal 1 dicembre il servizio è stato integrato di un’altra ora e quindi gli studenti disabili riceveranno un’assistenza per tre al giorno.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI