Calcio. Il Santa Croce prova a rialzarsi in vista della gara contro il Milazzo.

0
425

Il Santa Croce prova a rialzarsi dopo la sconfitta nel derby contro il Marina di Ragusa, cercando di darsi una scossa propositiva in vista della difficile gara casalinga di sabato prossimo contro il Milazzo. La squadra allenata da Gaetano Lucenti si lecca ancora le ferite per la cocente sconfitta di domenica, ma, è lo stesso trainer camarinense che vuole evitare cali di morale per concludere in meglio il girone d’andata. Il Santa Croce visto allo stadio “Aldo Campo” di Ragusa, nonostante l’ottimo inizio gara, è sembrato la brutta copia di quello visto in altri frangenti. La rete di Leone ha illuso l’undici biancazzurro che poi non è riuscito a contenere il ritorno dei locali che hanno dimostrato di essere una squadra di alto rango. Mister Lucenti a fine gara ha analizzato coscientemente la partita evidenziando le variabili negative, ma, anche le poche note positive viste nei novanta minuti di gioco. “La squadra ha giocato bene fino al rigore del pareggio del Marina. – dice mister Gaetano Lucenti – Loro infatti non erano riusciti, fino a quel momento, a imbastire azioni pericolose, tranne qualche ripartenza. Abbiamo però subito il ritorno del Marina che sfruttando due nostri errori ha recuperato la gara, riuscendo anche a ribaltarla, ma, questo in una gara può anche starci. Ho cercato di cambiare qualcosa in corso gara, ma, l’espulsione di Fiore ha di fatto chiuso ogni speranza per noi e su una rimessa del loro portiere abbiamo preso la terza rete. Adesso dobbiamo subito cambiare pagina perché sabato pomeriggio abbiamo un’importante gara contro il Milazzo e non possiamo permetterci di fare ulteriori passi falsi”. A nome della società a pure parlato il ds Claudio Agnello che ha sottolineato l’ottimo girone d’andata del Santa Croce, ribadendo ulteriormente che l’unico obiettivo della società è e rimane la salvezza. “Una sconfitta contro una squadra ben attrezzata come il Marina di Ragusa ci può stare, – dice il ds Claudio Agnello – ma non cancella ciò che di buono abbiamo fatto finora. Speravamo di ottenere un risultato diverso da quello maturato in campo ma dopo un inizio gara positivo gli avversari sono stati bravi a capovolgere l’inerzia del match. Stiamo attraversando un periodo un po’ delicato a causa di alcuni infortuni e la squadra non si è espressa al meglio. Dobbiamo fare tesoro della sconfitta, specie per gli errori commessi, cercando di non scoraggiarci perché la squadra ha i mezzi per ottenere una storica salvezza. Un ringraziamento particolare va alle tante persone che hanno seguito la squadra fino a Ragusa a testimonianza di come la città ci sostiene, in un campionato di alto profilo come l’Eccellenza”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

13 + 19 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.