L’ Associazione “Genitori Scuola Più” visita Modica

0
830

Oggi 120 ragazzini del centro estivo “Scuola Più ” , accompagnati dagli animatori, visitano i vicoli caratteristici di modica alta ed anche l’importante Castello dei Conti. Hanno ascoltato con molto interesse la storia che caratterizza l’imponente struttura. Il castello, dall’VIII al XIX secolo, era la sede del potere politico e amministrativo. Infatti, oltre al presidio militare, ospitava la residenza dei Conti di Modica e, successivamente, del Governatore della contea. Inoltre, aveva la funzione di carcere, come testimoniano le stanze create nella roccia e le due fosse di 7 metri, chiuse con delle grate, adibite ai galeotti.
A partire dal 1361 fu anche sede del potere legislativo: qui si svolgevano i processi della Gran Corte e della Corte per le I e II Appellazioni, mentre a partire dall’Ottocento vi operò il Tribunale civile e penale di I grado e la Corte d’Assise. Inoltre, nel suo cortile era sempre presente una struttura religiosa, come la chiesetta di San Cataldo, d’età medievale, la chiesa di San Leonardo,
d’epoca ottocentesca, e per ultima la chiesa della Madonna del Medagliere costruita appena nel 1930.
Dopo l ‘Unità d’Italia il Carcere, il Tribunale e gli Uffici Circondariali vennero trasferiti altrove e oggi aperto alla cittadinanza per conoscere tale storia.
Il presidente Alessandro Cicciarella dichiara: mezza giornata all’interno del castello per raccontare ai più piccoli la storia della Contea di Modica raggiunto a piedi partendo dalla scuola Piano Gesù .
Inoltre ringrazia il Sindaco di Modica Ignazio Abbate e l’amministrazione per aver dato la possibilità di visitare il castello, tutti gli animatori e componenti del consiglio direttivo che dedicano il loro tempo e le loro competenze, gratuitamente, per la riuscita del XXI centro estivo.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome