Gold standard of excellence. L’olio di “Case don Ignazio” realizzato dal Frantoio Oleario Ruta

0
2557

L’olio di “Case don Ignazio” prodotto da una azienda di Rosolini e realizzato presso il frantoio oleario Ruta di Noto si conferma un alimento “nutraceutico”.
Un traguardo molto importante comprovato dal Premio Olympia 2018.
Dopo attente analisi sul solo contenuto di Polifenoli Totali ai fini dell’indicazione salutistica secondo il Reg. 432/2012, l’olio di Case don Ignazio ha ottenuto un valore di Polifenoli Totali di 1197, cioè un valore polifenolico che può essere indicato come prodotto salutistico e se ben conservato può mantenere invariate le sue proprietà nutraceutiche.
Il 17 maggio 2018 il Parlamento europeo ha organizzato la 3°conferenza sull’olio d’oliva presso il vecchio Parlamento di Atene.Autorevoli scienziati dalla Grecia, America, Regno Unito, alla fine delle loro relazioni, hanno premiato con gli “Olympia Health and Nutrition Awards” (Premio Olympia salute e nutrizione) produttori di olio d’oliva attenti ai valori salutistici dell’olio da olive.

2.500 Campioni di olio d’oliva provenienti da 8 Paesi del Mediterraneo sono stati analizzati dal gruppo di ricerca del Prof. Magiatis e del Dr. Melliou all’università di Atene nel 2018, nell’ambito del progetto ARISTOIL che mira al rafforzamento del settore olivicolo mediterraneo attraverso lo sviluppo di innovative tecniche produttive.

Aristol Interreg MED è un progetto, finanziato dall’UE a 3 anni e 5 paesi, per studiare la produzione di Olio extravergine di Oliva ad alto contenuto poifenolico e come farlo conoscere al mondo intero, espandendo la consapevolezza dei consumatori sui benefici per la salute di oli ricchi in polifenoli.

L’olio di “Case don Ignazio” ottenuto da olive prodotte dall’agronomo Salvatore Spatola e attentamente trasformate nel frantoio oleario Ruta, è stato premiato come “Gold Standard of Excellence” for Hig Phenolic Extra Virgin Olive Oil che, assieme apochi altri produttori olivicoli, si è spinto a valori più elevati di polifenoli tra i 2.500 oli analizzati.

Tra gli oli italiani gratificati con l’alta menzione solo tre sono siciliani, tra questi l’olio di Case don Ignazio è quello con il massimo contenuto in composti salutistici.

Per l’olio siciliano questo riconoscimento rappresenta un grande passo avanti nel concetto di qualità poiché si categorizza così come “alimento nutraceutico” cioè con proprietà medicali non solo per la prevenzione di alcune malattie ma anche come antinfiammatori e per la cura di malattie neurodegenerative.

Oleuropeina, Oleocantale, Tirosolo, Idrossitirosolo, Oleacine sono alcuni dei termini che individuano un gruppo di sostanze denominate, più genericamente, “polifenoli” che proteggono la salute. La ricerca in campo medico-scientifico continua a indagaresull’efficacia di questi fenoli per la prevenzione e il trattamento di molte delle malattie croniche odierne, tra cui infarto e ictus, ipertensione arteriosa, artrite reumatoide , obesità, Alzheimer, Parkinson, diabete di tipo II e cancro.

Questi composti si trovano unicamente nell’oliva, solo una particolare attenzione (coltivazione, raccolta) ed una sapiente trasformazione in frantoio, consente il trasferimento di queste sostanze: dall’oliva all’olio.

Anche in Sicilia pur con varietà di olive a modesto contenuto in polifenoli, la coltivazione di piante di olivo storiche ed antiche consente la produzione di oli ad elevatissimo contenuto in polifenoli. Tutto nasce dalla evidente collaborazione tra un tecnico oleologo, Salvatore Spatola, ed un esperto frantoiano, il modicano Giorgio Ruta, che da più di un decennio provano ed attuano le più innovative tecniche nel processo di lavorazione ponendo massima attenzione ad ogni singola fase in frantoio.

Non è sufficiente la sola perfetta conoscenza delle macchine: deramificatore, lavatrice, frangitore e decanter a due fasi, senza acqua aggiunta, temperature controllate; ma la padronanza delletrasformazioni chimiche a carico della pasta delle olive in ogni stadio del ciclo, rappresenta l’unico elemento fondante per ottenere oli di alto pregio nutritivo.

Gli oli di prima qualità, riccamente dotati di Oleocantale, oleacinee altri polifenoli possono etichettarsi “nutraceutici” in base al reg.UE 432/2012 sull’etichetta europea e, dato che l’olio d’oliva è un alimento naturale, il consumo giornaliero di EVO fenolico è una scelta intelligente per l’optimum salute, vitalità e longevità.

In conclusione, possiamo affermare che andare oltre la tradizione oggi ha un senso, cercando di produrre un olio salutistico e non solamente un prodotto culinario.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

undici + 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.