51 partecipanti alla 14^ edizione di moto storiche nel barocco ibleo di sabato e domenica

0
604

Tre moto immatricolate nel 1929. Sono quelle tra le più risalenti che parteciperanno alla 14esima edizione di Moto storiche nel barocco ibleo, in programma domani e domenica lungo le strade della provincia di Ragusa e non solo. Si tratta della Moto Guzzi Sport 14 guidata da Salvatore Ingardia, della Moto Guzzi Sport 14 2Vt con in sella Salvatore Camiolo e della Ariel F del maltese Ray Bonnici. “Sono 51 gli iscritti a una kermesse – chiarisce il presidente del Veteran Car Club Ibleo Salvatore Provenzale che, assieme ai componenti del consiglio direttivo, sta curando tutte le fasi dell’organizzazione – che nel corso degli anni sta assumendo un valore sempre più significativo per tutti gli appassionati. Mi preme altresì sottolineare la grande collaborazione che ci arriva dalle forze dell’ordine. E poi lo spirito della competizione motoristica, che non è assolutamente competitivo, mira a fare rivivere le atmosfere di un tempo”. Domani, alle 8,30, il raduno degli equipaggi a Poggio del sole e la registrazione all’evento. Alle 9 ci sarà la partenza e il transito per Giubiliana, Ragusa, Giarratana, Buscemi e Palazzolo Acreide. Qui, alle 11, è in programma la visita al teatro greco del centro aretuseo. Alle 13 il pranzo al ristorante “Feudo-Bauly”. Alle 16 la partenza per Giarratana con transito verso San Giacomo e Ragusa Ibla. Quindi il rientro in hotel dove la cena è programmata per le 20,30. Domenica 3 giugno alle 9,30 ci sarà la partenza per Scicli, alle 10,30 la sosta in via Penna e la visita guidata. Alle 11 l’aperitivo offerto dal Veteran sulle basole barocche della cittadina iblea. Alle 12 la partenza per arrivare sino al parcheggio di Largo San Paolo, a Ragusa Ibla, con pranzo al ristorante “Antica Macina”. Quindi il rientro in hotel prima del commiato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

sette + quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.