Pozzallo, oggi ne sono sbarcati 296

Duecentonovantasei i migranti traghettati oggi al Porto di Pozzallo dalla unità militare portoghese D Francisco Almeida. Di cui 240 uomini, 38 donne, 18 minori non accompagnati.
La nave è stata fatta attraccare alla banchina commerciale. Lo sbarco, iniziato alle 10,00, è terminato alle 14,15. Undici donne in stato di gravidanza sono state accompagnate presso gli ospedali di Modica e Ragusa.
Costa d’Avorio, Libia, Algeria, Camerun, Marocco, Mali, Palestina, Guinea Cronakri, le nazionalità di provenienza.
Domani, come avviene di solito, sapremo del fermo di un paio di scafisti e della dinamica dell’operazione soccorso portata a termine dalla nave militare portoghese.
Solito tran, tran che, tra buone intenzioni mille e chiacchiere centomila, si trascina da anni senza alcun cambiamento sensibile, razionale, sensato.
Molto probabilmente quello di oggi è l’ultimo sbarco con Minniti ministro dell’Interno del morente governo Gentiloni.
In attesa di vedere all’opera la nuova compagine governativa presieduta dal prof. Giuseppe Conte, anche lui come Monti, Letta, Renzi e Gentiloni nominato ma non eletto, con riferimento al problema sempre più drammatico e prioritario del fenomeno migratorio, ci vengono in mente alcuni proclami-slogan sbandierati in campagna elettorale da Matteo Salvini che sarà il futuro ministro dell’Interno:
“Chiuderò i porti italiani”. “Rispedirò a casa loro 600mila migranti”. “Non dirò no a chi scappa dalla guerra, cioè ai profughi, ma i migranti economici devono tornare indietro”. “Ad ogni modo, prima gli italiani”.
Se le parole hanno un senso e se l’esito del voto ha detto a Salvini e a Di Maio che è questa la strada da seguire per risolvere il problema senza fine del traghettamento sulle nostre coste di migliaia di migranti provenienti dall’Africa sub sahariana e dal Medio oriente, per saperne di più sull’”Italia del cambiamento” occorre semplicemente attendere gli eventi, pur sapendo che … tra il dire e il fare …
Intanto il presidente della Repubblica Mattarella, in un passaggio del discorso pronunciato in occasione del 55° anniversario dell’Unione Africana, ha dichiarato:”L’Italia crede alla collaborazione con l’Africa e lo dimostra l’impegno del nostro Paese sul fronte delle migrazioni, un fenomeno di portata storica che va governato da Africa ed Europa insieme, con lungimiranza e spirito di responsabilità che ci ha visto finora in prima linea a sostegno di un approccio volto a sconfiggere le cause profonde di questa tragedia e a tutela della vita e della dignità dei migranti”.
La nuora (Salvini) è avvertita.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI