Il grano kazako a Pozzallo. Oggi i controlli. I risultati entro giovedì

Effettuata la verifica sulle cinquanta tonnellate di grano duro bloccato al Porto di Pozzallo su una nave proveniente dal Kazakistan. Sostanzialmente è emerso che da due/tre punti molto piccoli della stiva del natante, si è infiltrata dell’acqua di mare, per cui ci sono sull’ingente quantitativo poche migliaia di chili inumiditi. Si attende ora il provvedimento sanitario e alla fine, quasi certamente, si farà in modo di separare il grano inutilizzabile con quello che è in perfette condizioni. “Tutto ciò – spiega l’avvocato Antonio Giannone, che assiste l’azienda modicana acquirente – lo abbiamo potuto constatare di persona e questo ci ha tranquillizzato”. La cosa che è emersa nella specifica tecnica del prodotto, è che il frumento kazako ha delle caratteristiche organolettiche che lo rendono molto migliore qualitativamente da quello siciliano, italiano ed europeo. “Addirittura – aggiunge Giannone – questo grano viene mischiato con il nostro per migliorarne la qualità”. Il sequestro era stato eseguito dalla Forestale, supportata dagli ispettori del servizio fitosanitario regionale e personale della sanità marittima su direttiva dell’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera. I risultati si avranno entro giovedì.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI