Modica. Si rinnova l’antico rito ‘Crisci ranni’ il prossimo 7 aprile: i bimbi lanciati in alto in segno di benedizione

Con all’avvicinarsi della Pasqua, si avvicina anche la data di un appuntamento che è ormai una tradizione attesa e ricca di significato per la città di Modica. Sabato 7 aprile, in piazza Matteotti, si rinnoverà l’antico rito ‘Crisci ranni’. In questi mesi, con i ragazzi delle scuole della città, si è riflettuto sul tema di ‘Crisci ranni’ di quest’anno, che prende spunto da una frase di don Lorenzo Milani. ‘I care, le parole che ci fanno crescere’. Per i bambini, i ragazzi e i giovani della città è stato proposto un cammino per prepararsi a questo momento.

“I cantieri educativi, nel 50° della morte di don Milani – spiega il direttore della Caritas diocesana di Noto, Maurilio Assenza – hanno fatto proprio questo motto volendo sperimentare percorsi che riscoprono e restituiscono il valore del prendersi cura dei più piccoli, dei giovani e della città, attraverso lo strumento della ‘parola’ che per don Milani è la ‘chiave fatata’ che apre tutte le porte e che per noi diventa fondamentale per crescere. ‘I care’ è il motto intraducibile dei giovani americani migliori, ‘me ne importa, mi sta a cuore’. È il contrario esatto del motto fascista ‘me ne frego’. Nella scuola di don Milani, insieme alla relazione, è centrale la parola. La scuola deve dare la parola… Quella parola che ci fa eguali”.

È stata proposta la lettura di una fiaba (ovviamente con un cammino pensato sulla base dell’età degli studenti), quella dei fratelli Grimm “Jorinda e Joringhello”. Dalla fiaba si è tratta ispirazione per gli aspetti operativi che hanno permesso ai bambini e ai ragazzi di elaborare una riflessione personale e di dare il loro contributo creativo alla celebrazione del rito. L’appuntamento è per le ore 17 di sabato 7 aprile in piazza Matteotti. Qui, dopo la reciproca accoglienza, sarà rappresentata la fiaba “Joringa e Joringhello” che ha al centro la forza liberante delle parole di benedizione. Alle 18, al suono delle campane “della resurrezione”, saranno lanciati in alto i bambini augurando loro Crisci ranni! Si continuerà quindi a far festa.
In preparazione alla festa ci saranno alcuni momenti importanti. Mercoledì 4 aprile, alle ore 19 alla Domus S. Petri, sarà presentato il libro Crisci ranni, edito dalle edizioni “Il Pozzo di Giacobbe”. Venerdì 6 aprile, alle ore 18, sempre alla Domus S. Petri, ci sarà Crisci ranni giovani, dialogando con padre Giovanni Salonia. È intanto iniziato il torneo di calcio: la finale si terrà il 5 aprile allo stadio Vincenzo Barone, alle ore 10. Il calcio sociale ha una regola: in campo vanno tutti, chi sa giocare e chi non ha mai dato un calcio al pallone. Niente arbitro e punteggi alle squadre attribuiti dagli insegnanti sulla base anche del comportamento dei ´giocatori´.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI