Rifiuti di ogni tipo in via Ugolino a Ragusa. Morando: “Così non va”

Una carcassa d’auto abbandonata, elettrodomestici in disuso, materiale di risulta dell’edilizia, rifiuti di ogni tipo. Ci troviamo al quartiere Archi, a Ragusa Ibla, in via Ugolino, accanto alla chiesa di San Rocco. E ci troviamo nelle adiacenze di alcuni caseggiati di proprietà comunale. “Ho ricevuto numerose segnalazioni in questi giorni

– dice il consigliere comunale del Movimento Civico Ibleo, Gianluca Morando – con riferimento alla vicenda in questione, da parte di cittadini che si dicono stanchi di questa situazione che, in effetti, non ha alcun motivo d’essere. Dopo un sopralluogo, ho avuto modo di verificare di presenza la gravità del problema. E poi è un percorso battuto dai turisti che non possiamo permetterci di fare trovare in queste condizioni assurde. Per cui mi rivolgo, in maniera propositiva, al sindaco e, più in generale, all’amministrazione comunale perché ci si attivi in tempi rapidi per trovare una soluzione e per attivare tutte le procedure necessarie affinché gli ingombranti in questione possano essere rimossi. Ritengo che non dovrebbe essere così difficile incaricare chi di competenza a sgombrare i posti in questione. Un provvedimento che avrebbe ancora più significato per il fatto che stiamo parlando di siti che si trovano accanto ad immobili comunali fatiscenti e che, però, non possono essere utilizzati dai soliti incivili come se fossero delle discariche e che, per tale ragione, diventano ricettacolo per i topi, per gli insetti e quant’altro”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI