Cerca
Close this search box.

Diritti previdenziali 2024: le novità per garantire i diritti

Tempo di lettura: 2 minuti

Il settore previdenziale, sempre in evoluzione, offre nel 2024 nuove sfide e opportunità per individui quali persone con invalidità e pensionati. Questi ultimi sono titolari di diritti fondamentali garantiti dall’INPS, alcuni dei quali volgarmente definiti “inespressi”.

Adire agli Avvocati Stefano Di Giacomo ed Antonino Di Giacomo dell’Unione Nazionale Consumatori di Modica – è il primo passo per accedere a tali diritti, anche se il processo può risultare complesso, ma cerchiamo di capire meglio quali sono e a cosa hanno diritto.

Maggiorazioni e arretrati: Una finestra di opportunità per gli ultrasessantenni

Il 2024 vede confermati importanti diritti per gli invalidi civili ultrasessantenni, individui che, superati i 60 anni di età e in condizione di invalidità totale con un reddito limitato, possono richiedere maggiorazioni e arretrati. A differenza del passato, oggi è possibile richiedere arretrati non solo per gli ultimi cinque anni ma per gli ultimi dieci. Ciò vale dal momento in cui si compiono 60 anni, se già riconosciuti come invalidi civili totali, o dal riconoscimento dell’invalidità totale, se avvenuto dopo i 60 anni. Anche gli invalidi infrasessantenni e ultra diciottenni possono accedere agli arretrati come previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale n° 152 del 2020, ma in questo caso possono chiederli al massimo dal 20 luglio del 2020 con decorrenza dalla sentenza della Corte Costituzionale.

Assegno di vedovanza: supporto economico

L’assegno di vedovanza continua a essere un contributo per gli invalidi civili totali o per chi percepisce l’indennità di accompagnamento. Questo contributo aggiuntivo, particolarmente rilevante per chi ha un reddito inferiore al limite annuale, può essere richiesto anche dopo la domanda di reversibilità, con la possibilità di ottenere arretrati in atto l’importo ammonta ad € 52,91 con diritto agli arretrati per un massimo di 5 anni.

L’indennità di accompagnamento nel 2024

L’indennità di accompagnamento, erogata dall’INPS, offre una somma di € 531,76 euro a chi si trova in condizioni di particolare bisogno, quali l’impossibilità di svolgere atti quotidiani della vita, l’impossibilità di deambulare autonomamente o la condizione di malato oncologico sottoposto a chemioterapia che necessita di assistenza durante il periodo delle cure.

Il 2024 porta con sé nuove sfide con riferimento anche al potenziale cambio della valutazione delle tabelle di invalidità civile ma anche nuove opportunità nel campo dei diritti previdenziali. Essere informati e consapevoli dei propri diritti e delle procedure per farli valere rappresenta il primo e più importante passo verso il loro effettivo riconoscimento.

Novità in arrivo per la legge 104 del 1992

Recentemente è stata presentata alla Camera dei Deputati un’interrogazione a risposta scritta, proposta dall’Onorevole Fabrizio Benzoni al Ministro della Salute, Roberto Speranza, riguardante la necessità di aggiornare la tabella di valutazione dell’invalidità civile, contenuta nel Decreto Ministeriale del 5 febbraio 1992. Questa tabella, pur essendo un riferimento fondamentale per il riconoscimento dell’invalidità civile, necessita di revisioni per riflettere le attuali conoscenze mediche.

L’interrogazione evidenzia l’importanza di aggiornare la “Tabella indicativa delle percentuali d’invalidità per le minorazioni e per le malattie invalidanti” del Ministero della Salute, che si basa sulla classificazione internazionale delle malattie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tale classificazione viene regolarmente aggiornata e include diverse malattie e traumi.

Attualmente, la tabella include alcune malattie rare quali l’emoglobinuria parossistica notturna, la mielofibrosi e la talassemia major, stabilendo per queste specifiche percentuali di invalidità. Tuttavia, molte altre patologie rare non sono esplicitamente menzionate, il che lascia alla discrezione della commissione INPS la valutazione della percentuale di invalidità basata sull’incidenza della malattia sui vari organi e sistemi, nonché sulle capacità lavorative del richiedente.

L’interrogazione sottolinea che le persone affette da malattie rare possono incontrare difficoltà significative durante il processo di valutazione, dovute alla possibile mancanza di familiarità con la patologia da parte del medico INPS o della commissione medico legale incaricata di certificare l’invalidità civile. Questa mancanza di conoscenza può ostacolare significativamente il riconoscimento dell’invalidità.

Inoltre, è ben noto che molte malattie rare impediscono agli individui di mantenere una qualità di vita normale e di svolgere attività lavorative, compromettendo gravemente la loro integrità psicofisica. Proprio per questi motivi, l’Onorevole Benzoni ha sollevato la questione, sottolineando l’urgente necessità di un aggiornamento che tenga conto delle evoluzioni scientifiche e mediche.

Avv. Stefano Di Giacomo

Avv. Antonino Di Giacomo

534089
© Riproduzione riservata

41 commenti su “Diritti previdenziali 2024: le novità per garantire i diritti”

  1. Franco falciano

    Ho 58 anni con plobemi di glaucoma intervento spalla destra allergie di stagione mal di schiena lombalgia diabetico mi sapete dire qualcosa grazie 3490934223

    1
    0
  2. Buongiorno complimenti Avvocati un articolo stupendo io spero Dio che li dà voi altre la forza aiutare a chi ne ha bisogno realmente complimenti auguro buona giornata grazie a voi

  3. Ho 84 anni .soffro dicervicolombosciatalgia e lombo sagrale goni attrosi destra e sinistra .operato al ginocchio sinistro x menisco ho bronchite cronaca cinusite fronto mascellare . Son stato operato a tutte due le spalle x rottura cuffia rotatori con sopra e sotto spinale . Attrosi delle mani .che mi portano adolori einsensibilita piu’ gastite cronica e sordita’ ara giorno18 04 devo fare controllo x che non sento quasi nulla l’anno scorso l’imps di mantova mi ha riconosciuto l’80 % cosa posso fare ? Mi faccia sapere. Il. Mio telefono e 3281962014

    1
    1
  4. Salve Avv Di Giacomo, Antonino e
    Stefano grazie mille per le vostre attenzioni nei confronti dei vostri clienti sempre ben accetti i vostri suggerimenti che fatalità almeno qua a Padova nessuno fa’ comodo di farci sapere.Complimenti x i risultati ottenuti nei confronti di mia madre avevamo dei obiettivi dà raggiungere è grazie a voi li abbiamo ottenuti, grazie infinite, come da voi detto là distanza non è un problema.Consiglio vivamente come studio legale., Saluti

  5. Vi ringrazio per avermi informato, ma fortunatamente io non sono invalido totale.buongiorno e buon lavoro

  6. @Sig. Franco Felciano, per le patologie di cui è affetto ed indicati in modo generico e senza aver visionato la documentazione medica potrebbero esserci
    i presupposti per l’invalidità civile . Per poter comprendere meglio e dare un adeguato consulto legale occorre necessariamente sulla base della documentazione valutare le Sue patologie e conoscere altri elementi per poterla indirizzare nella scelta della prestazione.
    Avv. Antonino Di Giacomo

  7. In merito alla sua richiesta se ho compreso bene , le hanno riconosciuto un invalidità del 76% a seguito di omologa, avrebbe diritto all’assegno
    di invalidità purchè non superi i limiti reddituali per il riconoscimento di tale prestazione .
    Avv. Antonino Di Giacomo

  8. @Sig. Franco Felciano,
    in relazione alle sue generiche indicazioni potrebbero esserci i motivi per il riconoscimento dell’ invalidità civile,
    ma per un’adeguato parere occorre visionare la sua documentazione medica e conoscere alcune notizie e dati necessari per intraprendere
    l’iniziativa assistenziale più adeguata e consona alle sue effettive condizioni.
    Cordialità
    Avv. Antonino Di Giacomo

  9. @Sig. paolo Caravello ,
    La rinraziamo per le Sue belle parole.
    Siamo sempre disponibili, in difesa del più debole e per il riconoscimento dei diritti spettanti.
    Cordialità
    Avv. Antonino Di Giacomo

  10. Fabrizio Arrighini

    Buona sera ho sessant’anni compiuti dichirato invalido al 100% però rivederle a febbraio 2025,ho diritto quanto letto nel vostro articolo?Grazie

  11. Buongiorno, Avvocato Stefano di Giacomo e Antonio di Giacomo! Con tanto piacere ho letto il vostro articolo! Vi ringrazio molto per l’informazioni chiare e molto utili per tutti noi . Leggendo l’articolo sentivo quanto e importante essere aggiornata e informata al momento giusto! Grazie al vostro appoggio, alla vostra competenza ed professionalità vinciamo anche noi risolvendo i nostri propri problemi. I risultati ottenuti parlano della vostra erudizione nel vostro campo del lavoro. Come solito vi seguo con piacere e attenzione. Bravi!

  12. Buonasera dottore

    Io percepisco la reversibilità perché ero a carico di mia madre che è mancata a luglio 2023,posso richiedere l’assegno di vedovanza con arretrati?? Grazie.

  13. Mauro sciancalepore

    Grazie le dico che da un’anno che sono stato riconosciuto cargiver di mia moglie più a livello SANITARIO nei primi posti ora non s
    Mi danno la certezza di essere riconosciuto al beneficio 😭Un bando fsi dà te chi percepiva assegno covid al nuovo bando parte con 15 punti di vantaggio in che bando si usa un anticipo di punteggio per percepire sempre le stesse persone il contributo sostegno familiare per chi acudire una persona con disabilità allettata….

  14. Buongiorno, avvocati,
    ho fatto già domanda presso i vostri uffici in merito alle eventuali maggiorazione e altri privilegi riguardanti la mia pensione sia di invalidità che di accompagno che già percepisco.
    Mi auguro e sono fiducioso del vostro proficuo interessamento risultato anche in passato eccellente.
    Grazie e buon lavoro.
    Eugenio Salvatore Silipo
    Catanzaro
    17 aprile 2024

  15. Buonasera
    Avvocati, grazie mille per l’articolo vorrei avere un appuntamento con voi.La prego di mettersi in contatto con me
    3383474053 opp mail, grazie infinite. Janny Paschke

  16. Luigi montanaro

    Buona sera avvocati io nel 11/12/2018 ho presentato domanda di invalidità per ottenere gli apparecchi acustici e mi hanno dato una percentuale di invalidità del 34%-66% poi nel 2021 sono stato operato di tumore al colon e mi hanno dato la legge 104 e la pensione che mi hanno dopo perché guarito. Ora io vi chiedo si può fare qualcosa oppure no. Grazie cordiali saluti Luigi Montanaro

  17. Grazie mille avvocato x avermi informata.La ringrazio a nome di tutti gli amici invalidi.le mie patologie sono tantissime.

  18. Sono invalido100/100con accompagnamento a maggio compio 61anni ho 27 anni di contributi delle ferrovie dello stato mi sono licenziato nel 2010/11 si può richiedere pensione anticipata.in attesa di risposta
    Grazie .

    0
    0
  19. Salve avvocato ho letto volentieri il suo messaggio l’ho girato alle persone che credo siano interessati e l’ho fatto perché credo in quello che dice e che scrive . Orgogliosa di avere avuto il piacere di ascoltarla telefonicamente e la fiducia che pongo nella sua persona a presto la signora Cocuzza Vincenza .

  20. Salve.Grazie per informazioni.Mi hanno tolto accompagnamento.Sono dopo un ictus.Non riesco fare da sola doccia.Pericolo per fare da mangiare ( mancanza forza di mano sinistra). Come sono ancora viva hanno deciso che io non ho bisogno di accompagnamento. Grazie cordiali saluti

  21. Grazie x l informazione domani 17 aprile ho la revisione dell inps del mio 74 % nonostante i miei mille problemi di salute che purtroppo non mi danno la possibilità nei movimenti e con una depressione di media gravità ..e alle spalle di ben 32 anni fa un carcinoma mammario…come posso fare x essere certi che il punteggio datomi è idoneo ? Grazie mille

  22. Biagio martelli

    Sono un ex geometra ho 74 anni e 38 di contributi più tre tra militare e collaborazione con impresec. Ho fatto richiesta di pensione di vecchia ed è stata accolta dal giudice in primo grado ed, la cassa geometri l,ultimo giorno utile ha presentato appello e i giudici hanno dato ragione a loro adesso siamo in cassazione

  23. @Sig. Arrighini essendo stato lei dichiarato invalido al 100%, potenzialmente avrebbe diritto alla
    maggiorazione sociale purchè nei limiti reddituali. Ci chiami e chieda dell’Avvocato tel 0932/1613917 oppure ci lasci il suo
    recapito telefonico e sarà contattato dai nostri collaboratori.
    Avv. Antonino Di Giacomo

  24. @Sig. luciano se invalido al 100% e gode della pensione di reversibilità ed in presenza dei presupposti reddituali dovrebbe avere diritto all’assegno di reversibilità. Ci chiami e chieda dell’Avvocato tel 0932/1613917oppure, ci lasci il suo
    recapito telefonico e sarà contattato dai nostri collaboratori.
    Avv. Antonino Di Giacomo

  25. @Sig Claudio ex Ferroviere, si evidenzia quanto segue: Gli invalidi in una misura di almeno pari all’80% possono ottenere un anticipo del requisito di età per la pensione di vecchiaia, se lavoratori dipendenti del settore privato. In particolare, possono ottenere la pensione di vecchiaia, anziché a 67 anni, a 61 anni se uomini ed a 56 anni se donne. A partire dal perfezionamento dei requisiti, si applica una finestra di attesa di 12 mesi per la liquidazione della pensione. Eventualmente può contattare la nostra sede UNC di Modica al seguente recapito 0932 71613917.
    Avv. Antonino Di Giacomo

  26. Le hanno tolto l’accompagnamento, se sussistono i presupposti di necessità e di non poter svolgere alcuni atti della vita quotidiana potrebbe aver diritto a riavere l’accompagnamento, eventualmente ci contatti Unione nazionale Consumatori sezione di Modica 0932/1613917.
    Avv. Antonino Di Giacomo

  27. @Sig.ra Pina, per i problemi da Lei i richiamati avrebbe diritto alla conferma della sua invalidità, ma ritengo previa verifica della documentazione che potrebbero esserci i presupposti per l’invalidità al 100% con diritto alla pensione di invalidità e alla maggiorazione sociale, se sussistono i presupposti reddituali per una somma complessiva di € 735,00, eventualmente per maggiori informazioni Ci contatti, Unione Nazionale Consumatori Sezione di Modica tel 0932/1613917.
    Avv. Antonino Di Giacomo

  28. Avvocato buongiorno sono Aloisio ho letto il suo messaggio lo condiviso con amici miei invalidi . Ne sono felice che lei ci aiuti in certe situazioni che Inps ne approfitta .la ringrazio sempre le auguro una buona giornata

  29. Buongiorno dottore. Mi chiamo El bertal mohammed nato in Marocco il 01/01/1952 con cittadinanza italiana e vivo in Italia più di 46 anni .prima faccio il trasloco e mi sono rotto la schiena mi sono fermato completamente poi dopo a lavorare in fabbrica per 9 anni dopo a fare l’ambulante .e quando mi anno chiamato per la pensione sono rimasto molto male perché mi anno detto che ho la pensione sociale. Perché ho solo 9 anni lavorativi. Sono andato a trovare la commercialista per denunciarla e morta.ho girato da per tutto anche all’INPS ma niente daffare e dopo ho avuto operazione pennicite. Poi operazione alla gamba per la vena….tiroide …ho la visita scarsa..sono sordo ..diabete tipo 2..prendo 2 pastiglie e l’insulina….pressione alta. ..la più grave era l’operazione della prostata completa sono più di 3 anni. Da quel momento sono sempre stato male male male. Dopo mi anno dato l’80 per cento. Da quel momento non riesco a camminare bene con le gambe gonfiare ginocchio destro e sinistro e si mi siedo per terra non riesco ad alzarmi. A fare la pipi è
    altre cose. Dopo mi sono venuti le atroce e il mio dottore di famiglia mi fa bisogno a fare di nuovo la domanda per avere il 100 per 100 di invalidità. Quasi 3 mesi uscito sempre l’80 per cento. Non so più cosa fare. Il mio dottore mi fa strano. Aspettiamo un po è facciamo di nuovo la domanda. Vi ringrazio tanto .mi trovo molto in difficoltà economica grazie e scusate il disturbo.

  30. @ Sig Mohamed, In merito alla sua problematica le evidenzio che tenuto della sua età 72 anni l’ invalidità al 100 non avrebbe alcuna ripercussione sull :’ aumento .eventualmente occorre verificare per intraprendere iniziative alternative.In ogni caso ci contatti presso l unione nazionale consumatori di Modica il telefono 0933/1613917.
    Avv Antonino Di Giacomo

  31. @Sig. Mauro Sciancalepore probabilmente non è stato attento ho risposto ai commenti rilevanti con ANTONINO.
    Avv. Antonino Di Giacomo

  32. Gentile dott Salvatore sono Janny Paschke volevo sapere se poteva rinviare nuovamente la mail con le indicazioni dei documenti da inviarVi ,3383474053 grazie

  33. Guido Serratrice

    Buongiorno Avvocato,
    A breve dovrò presentarmi a visita di revisione.
    Tra le mie patologie risulta anche una Ipertensione Arteriosa Complicata da Cardiopatia Ipertensiva.
    Per tale patologia non riesco a capire che percentuale di invalidità viene riconosciuta.
    Cordiali Saluti
    Serratrice Guido

  34. Sig. Guido Serratrice, a seguito del verbale ci contatti ì, ci invii il nuovo verbale e vediamo come possiamo aiutarlo .Unione Nazionale Consumatore Sezione di Modica tel 0932/1613917.

  35. Sig Mohamed, abbiamo indicato erroneamente il telefono , Il recapito UNC Studio legale tel 0932/1613917

    2
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top