Cerca
Close this search box.

Modica, all’Istituto Verga un seminario su filologia, politica, storia e società

Tempo di lettura: 2 minuti

“All’incrocio tra filologia, politica, storia e società”, questo il tema del seminario di venerdì 17 marzo organizzato dall’ Istituto “Giovanni Verga” in collaborazione con il Centro Interuniversitario di Ricerca «Filologia, Politica, Storia, Società» e destinato agli studenti delle classi quinte classi. Relatori due esponenti di spicco del mondo accademico italiano che fanno parte del Centro Interuniversitario di Ricerca: il prof. Stefano Rapisarda dell’Università di Catania ed il prof. Giuseppe Noto dell’Università di Torino che hanno dialogato con gli studenti su temi di scottante attualità. Dalla riflessione su “vero, falso, fake: filologia della contemporaneità”, tema dell’intervento di Giuseppe Noto si è, infatti, passati a trattare, con Stefano Rapisarda un argomento altrettanto avvincente e attuale “filologi in guerra”.

Parole chiave come “fake”, “vero”, “falso” “guerra” hanno fatto eco a “filologia”, “libertà”, “nazione” “contemporaneità”, in quella che dovrebbe essere la culla della democrazia: la scuola. Il 17 marzo è un giorno simbolo per l’Italia in quanto ricorrono 162 anni dalla nascita dello Stato unitario italiano, e in un momento storico segnato da lacerazioni politiche, crisi economica post-pandemica e da una guerra raccontata non sempre in maniera trasparente ed esaustiva dai mass media, l’Istituto “Giovanni Verga” ha offerto ai suoi studenti un ulteriore momento di crescita e formazione. E la risposta non si è fatta attendere: le parole del dirigente scolastico Alberto Moltisanti hanno acceso la curiosità sui temi al centro dell’evento e i relatori si sono detti stupiti e ammirati dall’attenzione mostrata da questi diciottenni, invitati a ripensare alla storia in una nuova prospettiva e a riflettere su quanto la competenza filologica e linguistica in generale e l’esercizio alla lettura critica possa renderci cittadini liberi, in grado di discernere fra vero e falso e, soprattutto, capaci di scegliere, consapevoli della complessità del reale. Perché, come ha detto il prof. Giuseppe Noto, “filologia è libertà

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top