Somme spettanti a titolo di incentivo all’esodo. Ebt Ragusa chiarisce

Tempo di lettura: 2 minuti

L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento fiscale delle somme spettanti a titolo di incentivo all’esodo nel caso siano conferite a un fondo di previdenza complementare. E’ quanto comunica l’Ebt Ragusa alle imprese e ai lavoratori dell’area iblea. “Il caso preso in esame – sottolinea il consiglio direttivo dell’Ebt ibleo – riguarda il pagamento di un incentivo, a seguito di accordo siglato tra datore di lavoro e sindacati, rivolto ai dirigenti, per favorire l’esodo anticipato, rispetto alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia, di tali soggetti. L’accordo prevede la possibilità che la somma corrisposta a titolo di incentivo possa essere versata sulla posizione del dirigente aperta presso il Fondo di previdenza complementare per i dirigenti d’azienda”. L’Agenzia delle Entrate, evidenziando che la normativa e la prassi prevede il passaggio al fondo pensione in neutralità fiscale del solo Tfr e non anche di altre somme, precisa che l’eventuale trasferimento al fondo di previdenza delle somme spettanti a titolo di incentivo all’esodo non può avvenire in neutralità fiscale e che tali somme potranno essere versate al fondo di previdenza al netto dell’imposta dovuta ai sensi dell’articolo 19, comma 2, del Tuir, e cioè con applicazione dell’aliquota stabilita per il Tfr. Per ulteriori informazioni è possibile contattare gli uffici dell’Ebt Ragusa in via Roma 212 al numero telefonico 0932.622522 oppure consultare il sito internet www.ebiteragusa.com.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI