Vincenti e perdenti…l’opinione di Rita Faletti

Tempo di lettura: 2 minuti

Il giorno dopo il voto si tirano le somme. Primo dato: bassa affluenza alle urne per le amministrative che registrano la conferma del centro destra a Genova con la rielezione di Bucci, del quale non serve tessere le lodi, la città conosce la competenza e la serietà dell’ex manager; a Palermo Leoluca Orlando lascia la sua poltrona a Lagalla sostenuto dal centro destra, negli altri comuni, 971 sono andati al voto, la situazione vede il ballottaggio tra centro destra e centro sinistra. Alla consueta domanda, chi ha vinto e chi ha perso, la risposta non lascia dubbi: il Pd è il partito più votato e il M5S è definitivamente diventato un partito fantasma, mettendo a rischio il futuro del famigerato campo largo. Conte si concede alla stampa e tenta di ammortizzare il colpo: è la sofferenza degli italiani per la nostra presenza nel governo Draghi. Il solito lamento che dovrebbe servire a cancellare il fatto che i grillini sono al governo dal 2018, da quado lui era premier. Mai una volta che si dica come stanno le cose: nessuno vuole più saperne di noi. Ma le amministrative non sono le politiche: il Movimento rifiorirà, vedrete! Più o meno quello che ha detto Mr.Travaglio, che ci ha tenuto a spiegare che il Movimento non esisterebbe se i partiti non avessero fallito. Sempre colpa degli altri. La scomparsa dei grillini nel Paese (il grillismo è finito,  sintesi renziana) contrapposta alla massa di parlamentari, pone un problema che Giorgia Meloni ha presentato agli alleati: non è forse il momento di dare una spallata al governo e andare al voto? Gli “alleati” non ci pensano neanche, tanto meno Salvini lo svalvolato, che dal Papeete non ne fa più una giusta. A partire dal referendum sui cinque quesiti sui temi della giustizia, il poveretto ha dato prova di aver esaurito le cartucce. Gli rimane il fiato per correre di qua e di là e riesumare disperatamente i vecchi temi di un repertorio abusato. Le bollette, le tasse, i consumi degli italiani, che si intercalano, a seconda dei momenti, con la pace, il viaggio a Mosca, la cancellazione del viaggio a Mosca perché, “se devo essere divisivo preferisco stare a casa con i miei figli”, e ridaje co ‘sti figli. Ultimamente ha ripreso a strillare contro l’Europa e Lagarde per l’aumento dei tassi invece di preoccuparsi di spiegare agli italiani i cinque quesiti sulla giustizia che lui stesso aveva promosso con i Radicali. Quando ha avuto sentore che la cosa poco interessasse, invece di insistere, mettere manifesti in giro, promuovere iniziative per rendere note le ragioni del referendum, si è defilato. Da leader a follower, si aggrappa a quello che annusa in giro e se ne appropria. Non ha nemmeno depositato le firme raccolte, perdendo così il diritto alle tribune referendarie e ha mandato avanti Calderoli. Poi, di fronte al flop, ha parlato di complotti. Da garantista che voleva essere, è riuscito a resuscitare il giustizialismo e l’Anm, facendo la gioia di Giuseppe Santalucia, presidente dell’Associazione nazionale magistrati: “Il voto popolare è una sonora bocciatura di un disegno di riforma della magistratura che non è gradito, si tratta di prenderne atto”. Colta al volo l’occasione di usare strumentalmente una sconfitta. Persa l’occasione di riformare una magistratura in rovine, che si è imposta all’attenzione del Paese per le sue disastrose inchieste, le risse tra correnti, il feroce tentativo di far prevalere il proprio potere su quello della politica e perfino dell’economia. Rialzano la testa i magistrati, convinti della loro superiorità morale, del loro governo degli “incorruttibili”. La partecipazione più bassa che mai si sia registrata, 20,9%, a un voto dalle conseguenze politiche gravissime che rischiamo di pagare molto caro. Una disfatta di cui Salvini è il principale colpevole.  I suoi lo guardano e si guardano, tacciono, lo sopportano, non intervengono, Giorgetti sbuffa o alza le spalle, tutti aspettano la stessa cosa: che la macchietta si tolga di mezzo. E Meloni gongola.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

36 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI