Cerca
Close this search box.

Fai Cisl. Mancato smaltimento di fanghi dal potabilizzatore

Tonnellate di tubi abbandonati in territorio di Chiaramonte Gulfi
Tempo di lettura: 2 minuti

Tonnellate di tubi abbandonati, mancato smaltimento dei fanghi prodotti dal potabilizzatore. La Fai Cisl Ragusa Siracusa denuncia all’ARPA provinciale, ai carabinieri del N.O.E. e alla Medicina del lavoro territoriale, quanto accade presso l’invaso della “Traversa Mazzarronello”, in territorio di Chiaramonte Gulfi e punto zona, peraltro, di decine di lavoratori del Consorzio di Bonifica 8.
«Dopo anni di totale abbandono, – ha dichiarato il segretario generale della Fai Cisl Ragusa Siracusa, Sergio Cutrale – molti dei tubi giacenti nel piazzale circostante la Traversa sono stati assemblati per essere trasportati ma, come è possibile riscontrare, sono stati lasciati lì da moltissimo tempo. Restano esposti alle intemperie e sono privi di protezione dagli agenti atmosferici, con conseguente sfaldamento del materiale plastico di avvolgimento e degli stessi tubi che sono soggetti ad essere trasportati dal vento e dilavati dalla pioggia.
A pochi metri, – sottolinea Cutrale – vengono invasate ed accumulate le acque del torrente Para-Para, destinate all’agricoltura.»
La Fai esprime preoccupazione per ciò che potrebbe essere un disastro ambientale annunciato.
«In questi anni sono stati effettuati decine di sopralluoghi – continua Cutrale – ma quel materiale non è mai stato rimosso. Il rischio è doppio, da una parte bisognerebbe verificare se tutti i lavoratori alternatisi in quel luogo non abbiano patito problemi di salute respirando i resti di quel materiale, dall’altro bisogna accertarsi che le falde destinate all’irrigazione non siano state compromesse da infiltrazioni.»
Situazione altrettanto preoccupante, per la Fai Cisl Ragusa Siracusa, è quella connessa al mancato smaltimento, da diversi mesi, dei fanghi prodotti dal Potabilizzatore e depositati attualmente presso lo stesso impianto di potabilizzazione “Santa Rosalia”.
«Ritenendo che la salvaguardia territoriale, la tutela ambientale e la tutela della salute del personale, debbano essere considerati in via assolutamente prioritaria, rispetto alle altre problematiche ancorché altrettanto gravi – ha concluso Sergio Cutrale riferendosi alle varie segnalazioni sull’organizzazione del lavoro all’interno del Consorzio di Bonifica – abbiamo chiesto l’intervento delle autorità competenti per verificare lo stato dei luoghi e procedere alla loro messa in sicurezza. Abbiamo anche chiesto di sottoporre a sorveglianza sanitaria tutti i lavoratori che nel corso degli ultimi anni hanno svolto attività lavorativa presso quei luoghi.»

481880
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top