Gurrieri. Cadono calcinacci dal Duomo di San Giorgio a Ibla

"Da un mese si auspica intervento urgente del Comune"
Tempo di lettura: 2 minuti

Un intervento di somma urgenza per restituire alla piena fruizione di tutti, soprattutto delle persone più anziane e diversamente abili, il Duomo di San Giorgio di Ragusa Ibla. E’ la richiesta che il consigliere comunale Giovanni Gurrieri avanza all’Amministrazione comunale che, in verità, era già stata sollecitata dal parroco padre Floridia, e nonostante l’annuncio di un imminente intervento, non si è più visto nessuno.

“Da un mese l’ingresso laterale del Duomo di San Giorgio, tra l’unico che consente l’accesso ad anziani e disabili, è chiuso per la caduta di calcinacci – spiega Gurrieri – Il parroco aspetta ancora un intervento, mai avvenuto, che era stato annunciato dal sindaco Cassì. Un solo e unico intervento da parte della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco serviti a rimuovere alcuni conci e a posizionare le transenne. Ma adesso si attende il passo successivo, ovvero che si possa procedere ad interventi nell’area da cui sono caduti i calcinacci. Insomma, oltre a transennare, occorre intervenire per evitare futuri pericoli. Altrimenti si rischia di pensare che ci si sia dimenticati di uno dei siti più importanti della città, tra l’altro nel mese in cui l’Amministrazione ha programmato eventi a Ibla quindi attirando anche turisti di ogni target, per poi presentarci in questo modo, con le transenne e senza la possibilità di far accedere facilmente anziani e disabili”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI