Cerca
Close this search box.

Ispica. Franzo Bruno Statella Consigliere Nazionale dell’ADSI

Tempo di lettura: 2 minuti

Franzo Bruno Statella di Spaccaforno, è Consigliere Nazionale dell’ADSI, l’Associazione delle Dimore Storiche d’Italia. Bruno Statella, è stato nominato, fra oltre 4.700 soci, il 7 di dicembre. Un prestigioso incarico all’interno dell’associazione che ha sede a Roma e che ha eletto nove componenti del direttivo. Del direttivo, fanno poi parte di diritto, anche i presidenti delle sezioni regionali e i “pastpresident” dell’ADSI. L’ADSI, è nata nel 1977 con l’obiettivo di tutelare e valorizzare le dimore storiche del Paese. Come quella, a Modica, in cui vive Franzo Bruno Statella di Spaccaforno. Villa Spaccaforno, è una perla incastonata nella Città e autentica testimonianza della bellezza delle dimore di Sicilia.

E lì, sono state girate alcune scene de “Il commissario Montalbano”. In Sicilia, sono oltre 100 i soci della sezione regionale ADSI, presieduta da Gioacchino Lanza Tomasi, parente di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, autore del celeberrimo Gattopardo. Valorizzare, difendere, tutelare, far conoscere le dimore storiche d’Italia. Sono le vocazioni di ADSI, sposate e “spinte” da Franzo Bruno Statella di Spaccaforno, che, insieme ai vertici dell’ADSI, è stato ricevuto dalle massime istituzioni d’Italia e che, insieme alle espressioni apicali dell’associazione che hanno sede al Sud, porta avanti un ambizioso progetto culturale dedicato proprio alle dimore storiche del Mezzogiorno d’Italia,  “Regni del Sud”. Progetto che si anima in sinergia d’assieme espressa da Abruzzo, Basilicata, Molise, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia, che Bruno Statella si è intestato e che sta procedendo a ritmo più che spedito, con già edita una pubblicazione ‘Grand tour delle dimore storiche’, che racchiude, racconta e mostra tali bellezze.

Un’associazione, l’ADSI, che, come sottolinea il suo Consigliere Nazionale, “vuole difendere la memoria del Paese, la sua identità, valorizzando, attraverso queste dimore, non le proprietà diesse e le famiglie che hanno fatto la storia d’Italia e da cui discendono ma anche le straordinarie maestranze che hanno lavorato per costruirle e renderle belle. Scalpellini, Ebanisti, tappezzieri, doratori, un patrimonio di talento artigianale unico al Mondo.A dimostrazione di una cultura italiana che ha saputo ergersi nelle idee e nella loro realizzazione”. Una cultura nazionale, che ADSI vuole marcare come identitàanche per le generazioni a venire e che si pone come valore distintivo da censire. “Le dimore storiche sono amore per la Comunità, dove esse risiedono– dice Franzo Bruno Statella di Spaccaforno, Rappresentano un bene di tutti  e trasmettono cultura e orgoglio per l’Italia, dove il desiderio di viverle va in sinergia con il territorio; perché noi non siamo ‘proprietari’ di un bene ma custodi di esso con la responsabilità di trasmetterlo alle generazioni future, nelle condizioni migliori possibili”.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top