Imprese in fuga da uno Stato persecutorio…l’opinione di Rita Faletti

Tempo di lettura: 2 minuti

E’ più importante il lavoro o il posto di lavoro? La domanda andrebbe rivolta alle organizzazioni sindacali che proverebbero a eluderla per non dover spiegare la differenza che passa tra le due cose, importante per comprendere fino a che punto e a chi soprattutto sia utile l’attività sindacale. Dunque, il lavoro è l’insieme di beni e servizi prodotti dalle imprese, il posto di lavoro coincide, invece, con la specifica prestazione del singolo lavoratore in un contesto aziendale. Ne consegue che la salvaguardia del lavoro è la principale garanzia della difesa dei posti di lavoro. Con la globalizzazione, la concorrenza e la possibilità di spostare la sede di un’azienda dove minore è il costo del lavoro, meno pesante la fiscalità, più rapidi i tempi del processo civile, meno vessatoria la burocrazia, migliori le infrastrutture, la delocalizzazione assume carattere di ordinarietà e, se non si è ipocriti, stigmatizzare il profitto, che è obiettivo dell’impresa, diventa un puro esercizio di ipocrisia e in alcuni casi perfino un alibi per il rimpallo di responsabilità. Non sono in grado di trovare soluzioni alla crisi occupazionale derivante dalla chiusura di siti produttivi, quindi, colpevolizzo l’impresa e la sanziono. Se in Italia giovani preparati e ambiziosi decidono di andare dove il riconoscimento delle loro capacità si accompagna a una maggiore gratificazione economica, significa che nulla è stato fatto per trattenerli e valorizzarli. Così, un’azienda che si sposti dove le condizioni sono migliori, rappresenta un fallimento delle istituzioni, delle organizzazioni sindacali e di una classe politica priva di idee, nonché una perdita per il paese. Colpevole della grave emergenza economica non è stata solo la pandemia, scoppiata quando la crisi di produttività durava ormai da decenni, ma la pervicacia con la quale, per tutelare i posti di lavoro, governi di diversa colorazione politica e sindacati, hanno tenuto in vita aziende moribonde con iniezioni massicce di denaro pubblico, vedi Alitalia che in 45 anni è costata al paese 12,6 miliardi. Sembra che la specialità italiana sia quella di dare ossigeno ad aziende che non sono in grado di stare sul mercato e per questo andrebbero abbandonate  al loro destino. Manca, inoltre, la cognizione del rapporto costo-opportunità: il denaro che usi per salvare un’impresa dalla morte certa li togli a un’altra che ha maggiori probabilità di successo. E’ sciocco spendere tempo e soldi in missioni impossibili. Sul versante posti di lavoro, è indubbiamente prioritario proteggere il lavoratore e il suo reddito. Ma come? Intanto superando la visione novecentesca del rapporto tra capitale, lavoro e politica e il vecchio dogma caro alle sinistre e all’alleato pentastellato, secondo cui la politica deve intervenire nella dialettica tra capitale e lavoro con finalità redistributive. Le diseguaglianze non si combattono con il Superbonus e il Cashback, di cui beneficiano le fasce di reddito medio-alto, non certo l’operaio o il disoccupato. Infatti, Draghi e il suo ministro dell’Economia, che non sono due pivelli e a differenza dei politici non hanno la necessità di lisciare il pelo alle lobby e alle incrostazioni di potere che dettano legge in questo paese, avevano espresso riserve su entrambe le misure. Che è la dimostrazione dell’esatto contrario di ciò che pensano coloro che identificano l’ex banchiere con il nume tutelare delle élite economiche. Quello che servirebbe mettere in piedi è un progetto di politiche attive, efficace e funzionante, che operasse nei territori dove la deindustrializzazione sembra essere un processo irreversibile, e realizzare un ambiente economico favorevole alla realizzazione di nuove iniziative imprenditoriali, non dimenticando che la scuola e l’istruzione hanno una valenza fondamentale. Il futuro è davanti ai nostri occhi, non alle nostre spalle. Le misure adottate finora si sono rivelate regressive, sia rispetto all’azienda, ingabbiata in un quadro normativo che ne ha frenato gli investimenti e le assunzioni, sia rispetto al territorio e al paese che ha disperatamente bisogno di crescere. Ricordo che senza crescita economica, la sostenibilità del debito pubblico non è garantita. Ora, mi pare che i sindacati si siano occupati prevalentemente di difendere i posti di lavoro in un’ottica autoreferenziale e tesa al mantenimento delle tessere più che dei posti di lavoro. E per concludere, che senso ha ripetere quello che è stato fatto finora se non ha funzionato?

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI