Santuari. Gemellaggio tra Modica e Monte S.Angelo

Tempo di lettura: 2 minuti

Venerdì, ad un mese esatto dall’inizio dell’Adorazione Perpetua nella “Grotta di San Michele”, presso il Santuario Madonna delle Grazie di Modica, il rettore don Stefano Modica ha firmato un gemellaggio con la Basilica Celeste di Monte Sant’Angelo, con  Padre Ladislao Suchy, 55 anni, chiamato direttamente dal Santo Padre Giovanni Paolo II a svolgere questo importante compito nel 1996. Il prelato el Santuario del Gargano ha fatto dono al  confratello modicano di una pietra prelevata dalla Grotta Celeste, in segno di comunione micaelitica.

Modica e la sua “Grotta di San Michele” si arricchiscono dì questo dono proveniente dalla Basilica Celeste del Gargano, chiamata così perché unica al mondo: non è stata consacrata da mano d’uomo e per volere  della Chiesa, ma dallo stesso Arcangelo San Michele.

Circa  1500 anni fa il Vescovo del luogo ebbe  tre volte l’apparizione dell’Arcangelo San Michele il quale chiedeva la nascita, in quel luogo, di una Basilica.

Il vescovo, timoroso che fosse un’apparizione demoniaca, consultó la Santa Sede e in seguito, incoraggiato dal Papa, organizzò una solenne processione verso questa grotta e con grande meraviglia i prelati trovarono la grotta già arredata. Vi trovarono il Crocifisso e l’altare pronto per la celebrazione ! Era lì che San Michele voleva che nascesse la Basilica e da allora è conosciuta in tutto il mondo e chiamata  con il nome di Basilica Celeste.

Presto un pezzetto di questa Basilica si troverà a Modica, esposta alla venerazione dei fedeli.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI