Comune di Ragusa ed ENPA insieme per il progetto “Tutti a casa”

Combattere il randagismo curando ed educando i cani da affidare in adozione
Tempo di lettura: 2 minuti

Su input dell’assessore alla tutela animali del comune di Ragusa, Ciccio Barone, il Settore I – Servizi Generali, Organi Istituzionali e Coesione Sociale, ha avviato il progetto “Tutti a Casa”, concretizzatosi con la collaborazione dell’ENPA grazie ad un apposito protocollo d’intesa. Il progetto in questione ha consentito il trasferimento di n.10 cani dal Canile Sanitario del Comune presso i canili Enpa di Novara e Verona.
“La preziosa collaborazione dell’ Ente Nazionale per la Protezione degli Animali (ENPA) e in particolare del suo Commissario di Ragusa, Elena Iardella, con l’appoggio del Canile Maia e del suo staff, oltre a quello del personale del canile Sanitario – dichiara l’assessore Barone – ci ha consentito di raggiungere questo importante obiettivo per la salute e la sicurezza degli animali custoditi presso il rifugio sanitario di Ragusa. Il progetto ha avito lo scopo precipuo di combattere il randagismo e di alleggerire il carico degli ospiti canini nella struttura, senza compromettere il loro benessere. Un ruolo centrale ha assunto l’educazione che è stata trasmessa ai cani, che hanno conseguito un ottimo percorso che li aiuterà nell’avere un comportamento adatto alla loro nuova vita nelle famiglie di adozione. Il progetto proseguirà e quanto prima saranno trasferiti altri cani presso la struttura Maia per intraprendere il percorso educativo, a scopo di adozione.
Un ringraziamento particolare – conclude l’assessore Barone – intendo rivolgerlo in particolare a Elena Iardella (Commissario dell’ENPA Ragusa), Sergio Bramate (Direttore ed educatore cinofilo del canile Maia), Isa Colossi (Istruttore cinofilo che opera all’interno del canile Maia), Luciana Licitra (responsabile tecnica dell’associazione Pensieri Bestiali che gestisce i servizi del rifugio Sanitario di Ragusa),e i volontari Marco Guastella, Ilaria Battaglia e Veronica Di Lorenzo e quanti hanno permesso la realizzazione di questo progetto”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI