Veronica Panarello non si presenta al processo per calunnia

Tempo di lettura: 2 minuti

Veronica Panarello doveva essere sentita ieri dal giudice monocratico del  Tribunale di Ragusa, Elio Manenti, nel processo che la vede imputata per calunnia nei confronti dell’ex suocero Andrea Stival.  Quest’ultimo era stato chiamato dall’imputata in  correità nel delitto del figlio. Per un disguido, però, non si è presentata.  Il difensore della donna ha chiesto un rinvio per consentire alla sua cliente di essere sentita  in presenza o con videoconferenza. L’udienza è stata rinviata al 17 novembre alle 10. A Catania, invece, la Panarello risponde di minacce aggravate, nei confronti dell’ex suocero.

Fu   il Gup Andrea Reale ad inviare gli atti in Procura dopo avere pronunciato la sentenza di condanna, avviando il procedimento per calunnia. La donna doveva essere trasferita ieri dal carcere di Torino, ma risulterebbe rinunciataria. In realtà, secondo quanto ha detto in udienza l’avvocatessa Pia Giardinelli che la rappresentava, “c’è stato un equivoco su due procedimenti in cui la  Panarello è coinvolta. Aveva scelto di non partecipare al processo di Catania per minacce e, invece, di essere presente in questo procedimento per il quale ha chiesto di essere sentita”.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI