Spiagge aperte e più contagi. Per PD Ragusa una Contraddizione

Tempo di lettura: 2 minuti

La stretta decisa dai sindaci, non solo dell’intera provincia ma di buona parte della Sicilia, per Ferragosto ci fa chiedere perché questa stessa decisione non sia stata presa dal primo cittadino di Ragusa. Il quale, ieri mattina, ha dichiarato che ci sono cinque casi di ragazzi ragusani, di ritorno da Malta, positivi al Covid-19, spiegando che è evidente come il virus circoli ancora, lasciando intendere, quindi, che occorre la massima attenzione e, di conseguenza, il pieno rispetto delle regole, evitando il più possibile gli assembramenti. A distanza di poche ore, ieri sera, sempre il sindaco conferma che le spiagge di Marina saranno aperte anche per la sera del 14 agosto. Un atteggiamento che si commenta da solo, da schizofrenia della politica”.
Ad affermarlo sono i consiglieri comunali del Pd Mario D’Asta e Mario Chiavola i quali ravvisano una contraddizione in termini nelle dichiarazioni del primo cittadino. “Il sindaco e la sua Giunta – continuano i rappresentanti del Pd – si stanno caricando sulle proprie spalle una bella responsabilità politica e soprattutto sanitaria. L’incidenza epidemiologica di quanto accadrà la registreremo a fine mese. Naturalmente, auspichiamo che non accada nulla di pesante. Ma, lo ribadiamo, non stiamo adottando quelle misure che si rendevano necessarie per cercare di limitare i contagi. Abbiamo, purtroppo, potuto appurare, ma questo lo abbiamo già affermato in tempi non sospetti, come in occasione dei grandi eventi, anche se nel contesto degli stessi sono rispettate le norme sul distanziamento sociale, diventa complesso evitare gli assembramenti e, quindi, le occasioni potenziali di contagio”.
“E’ evidente che il sindaco di Ragusa ha deciso – dicono ancora D’Asta e Chiavola – di assumere una linea tutta sua, in assoluta controtendenza con le decisioni prese dai colleghi della provincia. Temiamo davvero molto quanto sta succedendo nella nostra città e invitiamo tutti, il più possibile, a utilizzare i dispositivi di protezione individuale, come, tra l’altro, statuito da una nuova ordinanza del presidente della Regione, anche nei luoghi all’aperto quando non è possibile rispettare la distanza interpersonale. Ma è chiaro che se l’esempio principe non arriva dall’amministrazione comunale, diventa difficile fare passare il messaggio della moderazione e dell’attenzione”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI