Due allievi del Gsd Almo 1966 al campionato italiano in Umbria

Tempo di lettura: 2 minuti

Due allievi del Gsd Almo 1966, società ciclistica di Monterosso, sono stati convocati al campionato italiano a cronometro del 2020. Si tratta di Lorenzo Ragusa e Giuseppe Giuliana che hanno già avuto di mettersi in evidenza in altre occasioni, mettendo in rilievo il proprio bagaglio tecnico che lascia ben sperare per un futuro ricco di soddisfazioni. La gara si è corsa sabato scorso a Città di Castello, in Umbria, e i due alfieri del sodalizio monterossano sono stati due tra i sei convocati della rappresentativa siciliana. In particolare, Lorenzo Ragusa ha fatto registrare il tempo di 10’16”, facendo registrare il secondo miglior tempo dei siciliani. E’ opportuno ricordare che Ragusa è arrivato al secondo posto nella edizione del memorial Giovanni Cannarella che, ogni anno, si tiene a Monterosso Almo e che richiama i migliori e i più talentuosi giovani di ogni parte d’Italia. Giuseppe Giuliana, invece, ha fatto fermare il cronometro sul tempo di 10’26”. “Dobbiamo evidenziare – chiariscono Salvatore e Giuseppe D’Aquila del Gsd Almo 1966 – la piccola sfortuna di essere partiti con un evidente cambio climatico. Pioggia e vento hanno penalizzato la prestazione dei ragazzi siciliani che non hanno avuto a disposizione lo stesso tracciato di chi, invece, si era avventurato potendo contare su una situazione sostanzialmente favorevole dal punto di vista meteoclimatico. E’ stata, per tutti noi, una bella esperienza che, a suon di risultati, cercheremo di ripetere al più presto”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI