Tre importanti interventi al “Giovanni Paolo II” di Ragusa

L’epidemia da Covid 19 non ha minimamente rallentato l’attività dell’UOC di Neonatologia e Utin. Infatti, negli ultimi due mesi si sono registrati tre casi di particolare rilevanza.

 A un neonato prematuro, nato a 34 settimane, è stata diagnosticata una rarissima, 1/50.000 nati, alterazione del ritmo cardiaco, il flutter atriale.

La diagnosi è stata tempestiva e, dopo un tentativo con terapia farmacologica, è stata eseguita cardioversione elettrica a bassa energia, in sedazione profonda. Il riscontro è stato immediato, con normalizzazione della frequenza cardiaca, nel pieno rispetto del confort del piccolo paziente.

Il reparto di Neonatologia e UTIN si è avvalso della preziosa e necessaria consulenza dei dottori Rosanna Di Pasquale, referente di Cardiologia Pediatrica, e del dott. Giuseppe Campisi, esperto aritmologo.

 Nel mese di aprile è stato eseguito, per la prima volta in provincia, un intervento di neurochirurgia su un neonato prematuro.

Il piccolo, nato a 26 settimane di gestazione, 870 g. di peso, ha presentato una frequente e temibile complicanza, caratteristica della prematurità estrema: una gravissima emorragia cerebrale, poi ulteriormente complicatasi con un idrocefalo ostruttivo.

Le delicate e ormai compromesse condizioni cliniche non permettevano il trasporto in altro ospedale, si è attivata, pertanto, la consulenza che l’ASP di Ragusa ha con la Azienda Ospedaliera “Cannizzaro” di Catania.

L’intervento è stato eseguito, nella sede del Giovanni Paolo II, dai neurochirurghi Saverio Fagone e Stefano Chiriatti. «È stato, anche a detta dei colleghi catanesi, un magnifico lavoro di equipe in un “ospedale bello e molto organizzato” –  ha sottolineato il dott. Francesco Spata, direttore ff dell’UOC di Neonatologia –   che ha coinvolto anestesisti, diretti dal dott. Luigi Rabito, direttore della Anestesia e Rianimazione,    medici e infermieri della UOC di Neonatologia e UTIN, il personale di sala operatoria.» L’intervento ha permesso il posizionamento di un catetere ventricolare, che ha consentito un miglioramento del quadro clinico.

Il terzo caso: Nato a 23 settimane e 6 giorni di gravidanza, peso alla nascita 470 grammi.

Una condizione eccezionale di estrema prematurità, che ha reso necessaria una degenza lunga sette mesi, inframezzata da un trasferimento a Catania, presso il Policlinico Universitario, per un intervento di retinopatia.

Il piccolo è stato successivamente ritrasferito, con procedura di back transport, presso il “Giovanni Paolo II”, dove sono continuate la cura fino alla dimissione.

Il 28 aprile il piccolo paziente è stato dimesso.

Foto: UOC di Neonatologia e UTIN

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI