Vittoria. Operazione “Boschetari”. In libertà uno degli imputati

0
424

Rimesso in libertà uno dei tre imputati che hanno scelto il giudizio abbreviato nel processo all’Operazione “Boschetari”. Si tratta di Marian Munteanu, romeno di 32 anni. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Catania. L’uomo, difeso dall’avvocato Alessandro Agnello, è sotto processo davanti alla Corte d’Assise, insieme con Doru Milen, 37 anni, e a Marian Oprea di 37. In precedenza il giudice per l’udienza preliminare di Catania aveva condannato a 20 anni di reclusione il rumeno Lucian Milea, mentre altri due connazionali, Monica Iordan e Alice Oprea dovranno scontare condanne a 17 anni e 8 mesi e 10 anni.
L’operazione della polizia fu messa a segno nel giugno del 2018 contro alcuni componenti di una banda dedita al favoreggiamento dell’immigrazione e allo sfruttamento, in una parola alla “tratta” di esseri umani. Portò all’arresto di 6 rumeni. Tutti erano accusati di associazione a delinquere finalizzata al traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento lavorativo , ma anche di traffico di esseri umani in danno di connazionali (compreso alcuni minori), di sfruttamento pluriaggravato della prostituzione, anche minorile.

In lingua rumena “boschetari” significa “senza tetto”. E tale era la condizione di queste persone che venivano reclutate in Romania, dove si trovavano in condizione di indigenza e trasferiti in Italia. La banda aveva messo a punto un’organizzazione ramificata che iniziava con il reclutamento in Romania di persone in stato di bisogno (spesso anche analfabeti o comunque in condizione di vulnerabilità) che venivano poi trasferiti in Italia e utilizzati nei lavori delle campagne, in condizioni di assoggettamento. Spesso chi arrivava in Italia veniva privato del passaporto, venivano isolati, le donne venivano avviate anche alla prostituzione, spesso esercitata insieme all’attività principale di lavoro nei campi. Le vaste distese di serre della zona di Vittoria ed Acate erano il luogo in cui si compiva – e si compie tuttora – la tragedia di persone che spesso sopravvivono in condizioni di indigenza, quasi sub-umane.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

otto + 7 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.