Isernia espugna Modica. Pesante sconfitta per l’Egea ProVolley Team

Pesante sconfitta  casalinga  l’Egea ProVolley Team , che al “Geodetico” si arrende alle molisane della Europea 92 Isernia in uno scontro diretto in cui i punti valevano doppio.

Alle biancorosse non è bastata Fabiola Ferro (19 punti e best score del match) per portare a casa punti che avrebbero rivitalizzato una classifica troppo anemica, ma le ospiti hanno mostrato come spesso sta capitando ultimamente maggiore esperienza e sfruttandola nei momenti topici della contesa sono riuscite a portare a casa tre punti molto importanti.

Dopo una prima fase di sostanziale equilibrio (4/4), nel set d’apertura le ospiti allungano fino a 9/13 che costringe Scavino a chiedere il primo timeout. Ma al ritorno in campo la forbice del punteggio si allarga ulteriormente fino al 15/22 con Scavino che si vede costretto a richiamare in panca per 30″ le sue atlete, che questa volta hanno una reazione e piazzano un break di 3/0 che vede Montemurro fermare il gioco. La serie di battute positive continua anche dopo il ritorno in campo e sul 22/24 Montemurro si gioca il secondo timeout a disposizione. Alla fine la spuntano le molisane con la conclusione vincente di Chiara Vinciguerra.

Modica parte male anche nel secondo parziale (1/4), ma le biancorosse si ricompattano e grazie alla serie positiva in battuta di Fabiola Ferro ribaltano il punteggio con un parziale di 11/3 che le porta avanti 14/7 costringendo Montemurro a timeout. Modica resta sul pezzo e tiene alti i ritmi, ma Isernia prova la rimonta e sul 22/16 Scavino ferma il gioco per “rimotivare” le sue atlete. Alla fine la spuntano le biancorosse che s’impongono 25/19 grazie all’errore in battuta di Annalisa Mileno.

Biancorosse che partono forte anche nel terzo set (3/0), Isernia ricuce lo strappo fino al 3/2, ma l’Egea alza il ritmo e prova a scappare. Sul 7/3 Montemurro chiama timeout. Al ritorno in campo inizia la rimonta molisana che si concretizza sul 16/16. Si gioca punto a punto fino alla fine che premia le ospiti ai vantaggi 26/28 con la conclusione out di Fabiola Ferro.

Subito un break (0/3) spiana la strada del successo a Isernia. Modica ci prova, ma si disunisce. Sul 2/6 Scavino chiama timeout. La mossa è azzeccata perchè Modica rimonta fino al -1 che costringe al timeout Montemurro. Isernia al ritorno in campo allunga fino al 10/15 costringendo Scavino a fermare nuovamente il gioco per 30″. La gara è ormai segnata, le padrone di casa perdono anche la concentrazione e per Isernia diventa tutto più semplice. Ferro e compagne provano una reazione d’orgoglio e riescono ad accorciare le distanze fino al -2 (20/22). Montemurro chiama timeout, da le ultime direttive alle sue atlete che la chiudono 20/25 con la conclusione vincente di Maria Mauriello, con la quale conquistano tre punti pesanti per la classifica e “inguaiano” ulteriormente le modicane che hanno assoluta necessità di cambiare immediatamente rotta per restare attaccate alle formazioni che lotteranno per preservare la categoria fino alla fine.

Egea PVT Modica 1

Europea 92 Isernia 3

Egea PVT Modica: Lo Iacono, Asero, Ferro 19, Zamagni 1, Luzzi 1, Liguori 15, Monzio Compagnoni 5, Carnazzo 9, Brioli 1, Patti 14, Bozzetto (L), n.e. Paolino. All. Corrado Scavino.Enza Sgarlata

Europea 92 Isernia: Mileno 3, Mauriello 9, Distaso, Ragone 8, Pellecchia, Carlozzi 13, Vinciguerra 14, Barbaro 11, Boffa (L), n.e. Pisano, Di Tella. All. Francesco Montemurro.

Arbitri: Martina Scavelli di Catanzaro e Gabriella Notaro di Lamezia.

Successione set: 22/25, 25/19, 26/28, 20/25.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI