Modica. Il Distretto del Cibo Etna – Val di Noto inserito nel Registro Nazionale dei Distretti

Sono 8 i Distretti del Cibo, individuati dall’Assessorato all’Agricoltura mediante evidenza pubblica, che verranno inseriti nel Registro nazionale dei Distretti del Cibo, istituito presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo. Tra questi figura il Distretto del cibo del sud est Sicilia Etna Val di Noto del quale fa parte anche Modica. “Ci tengo a ringraziare – commenta il Sindaco Abbate – in primis l’Assessore all’Agricoltura, Edy Bandiera con il quale ci siamo incontrati da poco in occasione di ChocoModica. Il riconoscimento del nostro Distretto del Cibo è un premio al territorio del sud-est che ha saputo fare sistema sfruttando le sue enormi potenzialità agricole, agroalimentari, turistiche, identitarie e culturali. Abbiamo fatto un ottimo lavoro di squadra, dimostrando di saperci aggregare” . Ad oggi il Distretto del Cibo del Sud Est Sicilia Etna Val di Noto rappresenta un modello di sviluppo innovativo per consentire la crescita e il rilancio di filiere e territori. Utilizzando i fondi nazionali e comunitari per la valorizzazione e promozione del territorio, tutelando l’ambiente, incentivando la nascita di nuove realtà, migliorando le produzioni agricole di qualità e la ricettività dei luoghi. Vi fanno parte 439 associati con sedi in ben 37 comuni tra le province di Ragusa, Siracusa e Catania. (Acate; Acireale; Belpasso; Biancavilla; Bronte; Bucchieri; Caltagirone; Canicattini Bagni; Carlentini; Castiglione Di Sicilia; Catania; Chiaramonte Gulfi; Comiso; Floridia; Giarre; Gravina Di Catania; Ispica; Licodia Eubea; Melilli; Mineo; Modica; Noto; Pachino; Palazzolo Acreide; Palermo; Paterno’; Pozzallo; Priolo Gargallo; Ragusa; Rosolini; S.Venerina; Santa Croce; Santa Venerina; Scicli; Siracusa; Solarino; Vittoria). Sono 2347 gli addetti coinvolti con un fatturato globale di oltre 357 milioni di euro. Il 75% degli iscritti appartiene al comparto delle imprese agricole, il 13% nell’agroindustria ed il restante 12% nei settori del turismo, della ristorazione e dell’istruzione.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI