Ragusa. Il sindaco Cassì fa chiarezza sull’attendamento in città di un circo equestre con animali

Il sindaco Peppe Cassì risponde ai consiglieri comunali che contestano l’autorizzazione all’attendamento in città di un circo equestre che prevede forme di spettacolo con l’utilizzo di animali.
“A proposito della presenza in città di un circo con animali – dichiara il primo cittadino – vorrei fare un po’ di chiarezza. A Ragusa esiste un regolamento comunale di tutela degli animali approvato dallo scorso consiglio comunale in cui nulla fu previsto in merito allo sfruttamento degli animali nei circhi: è nostra intenzione aggiornarlo integrandolo con le disposizioni contenute nel modello nazionale già sottoscritto dalla Federazione delle Associazioni Animaliste Nazionali e dall’ANCI.
Nella vigenza delle normative attuali una mia ordinanza di divieto di spettacoli con animali in città sarebbe illegittima, ed infatti simili ordinanze emanate da altri Comuni per casi analoghi sono state bocciate dai Tar. Per questo motivo già nei giorni scorsi ho emanato un’ordinanza diversa, che indica puntualmente norme e modalità per il mantenimento e l’utilizzo degli animali secondo le linee guida emesse dalla Commissione scientifica Cites. Servizio veterinario e Corpo di Polizia Municipale verificheranno quindi che le dichiarazioni di impegno del circo a rispettare le indicazioni della nostra ordinanza siano effettivamente mantenute; ove così non fosse il circo perderebbe la concessione comunale per un periodo di 5 anni”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI