Minacce di morte al sindaco di Pozzallo. Lettera aperta a parroci, sodalizi e dirigenti scolastici

0
997

“Stiamo assistendo ad un imbarbarimento dei rapporti umani, veicolato ed amplificato enormemente dai social, che ormai viene accettato quasi supinamente, senza indignazione né voglia di reagire”. Lo scrive il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, in una lettera indirizzata ai parroci, ai sodalizi e ai dirigenti scolastici cittadini.
“Quando si arriva ad augurare la morte ad una persona – qualsiasi sia la motivazione per cui ciò avvenga – credo che ormai si sia superata abbondantemente la soglia che limita la convivenza civile – lamenta Ammatuna -. La mia preoccupazione non è limitata alle parole farneticanti di qualcuno, la cui violenza è certamente permeata da precedenti espressioni che la fomentano, quanto al silenzio assordante che circonda queste azioni.
Queste mie parole non vogliono assolutamente assumere la forma della denuncia, che tra l’altro non sortirebbe alcun effetto, vogliono essere invece un invito a recuperare, tutti, la forza di indignarci, di ribellarci insieme e a non sottostare più a questi comportamenti.
Quando si slabbrano i fili che tengono unito il tessuto sociale di una città, non è solo l’obiettivo di turno a pagarne le conseguenze ma la totalità dei suoi componenti che, in futuro e per le motivazioni più diverse, può essere fatto oggetto di queste particolari “attenzioni”.
Dobbiamo, insieme, far capire che ad ogni parola corrisponde un significato ed isolare, attraverso la solidarietà, chi pianta le radici di questo odio”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

tredici − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.