Goletta verde, vicenda Scicli. Riceviamo e pubblichiamo

3
569

In merito alla polemica, che va avanti da giorni, sul nostro monitoraggio scientifico relativo alla foce della Fiumara Modica-Scicli, nel territorio comunale di Scicli, Goletta Verde tiene a stigmatizzare una polemica che sta assumendo toni grotteschi.

Come affermiamo da giorni, e come viene sottolineato ogni anno nel tour lungo le coste italiane intrapreso da Goletta Verde, il monitoraggio scientifico della campagna di Legambiente rappresenta una fotografia della realtà, un’istantanea sullo stato di salute delle acque costiere, che vuole destare attenzione sulle eventuali criticità nei sistemi di depurazione. I nostri rilievi non danno patenti di balneabilità né vogliono sostituirsi alle istituzioni preposte ai controlli.

I parametri indagati da Goletta Verde – Enterococchi ed Escherichia Coli – contribuiscono a determinare il giudizio, in base alla normativa vigente. In questo senso, nel momento del prelievo, il 9 luglio scorso alle ore 11:20, il parametro degli Escherichia Coli presentava valori entro i limiti di legge (come rilevato recentemente dalla stessa Arpa), mentre il parametro degli Enterococchi presentava valori di gran lunga superiori ai limiti di legge. Nel report di Arpa il dato sugli Enterococchi non è stato riportato, nonostante da normativa gli Enterococchi andrebbero ricercati in modo analogo agli Escherichia Coli. Sempre secondo la normativa, lo ricordiamo, è sufficiente che uno dei due parametri superi il rispetto limite di legge, al fine di determinare una situazione giudicabile come “inquinata”. Questo ed altro è stato scritto in un report e inviato in via ufficiale giorni fa al Comune di Scicli.

Il 9 luglio, alle ore 11:20, la portata d’acqua del rivolo campionato era tale da consentire l’arrivo a mare. In quel momento, dunque, il fiume sfociava a mare, come abbiamo già dimostrato attraverso le fotografie inviate alla stampa e contenute nel su citato report inviato al Comune di Scicli.

“Vogliamo davvero dire basta alle polemiche da parte di chi, da giorni, si appella a tutto pur di screditare le nostra attività scientifica, credibile e dimostrata – afferma Mattia Lolli, portavoce della Goletta Verde – nelle parole delle istituzioni ancora non abbiamo visto una critica seria e soprattutto costruttiva. In quel momento e in quel punto la criticità era presente, e non si può nascondere sotto il tappeto.

In questi casi ciò che interessa realmente ai cittadini è l’effluente dei depuratori ed i risultati dei monitoraggi giornalieri che vengono fatti per norma.

Goletta Verde monitora il punto di sbocco della Fiumara-Modica ogni anno a luglio (periodo in cui si svolge il monitoraggio e il laboratorio mobile compie i prelievi in tutta Italia) sin dal 2010. Già negli anni 2010, 2011, 2012 e 2014 il punto è risultato fortemente inquinato e i dati sono sempre stati comunicati affinché si prendessero provvedimenti e si individuassero le cause della possibile “maladepurazione”.

Alessia Gambuzza
Presidente Circolo Legambiente Scicli Kiafura

3 Commenti

  1. ma è talmente semplice…elementare direi:

    se dopo aver fatto il bagno vi viene la cacarella per una settimana…allora ha ragione Legambiente!
    se non vi viene…ha ragione il Sindaco!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.