Ragusa, Fabio Cantarella nominato commissario provinciale della Lega

Nominati dal Commissario regionale della Lega il Sen. Stefano Candiani, i responsabili regionali e i commissari provinciali. A Ragusa è stato nominato Fabio Cantarella, 44 annni, avvocato.
“Per la Lega in Sicilia si apre una nuova stagione ricca di entusiasmo con tanti volti nuovi che credono nel buon senso e nella politica di Matteo Salvini, fuori da equilibrismi ed alchimie ma vicini ai cittadini – spiega Candiani – Con il nuovo organigramma, dunque, si definisce la struttura Lega Sicilia che vede la nomina di un Direttivo Regionale e di Commissari provinciali i quali saranno il punto di riferimento per militanti, sostenitori e simpatizzanti. La forza della Lega sta proprio nel rispetto dei ruoli e delle gerarchie, la voce è soltanto una, quella di Matteo Salvini, non esistono situazioni autoreferenziali né cariche improvvisate, tutto deve necessariamente passare per i Commissari Provinciali e il Direttivo Regionale”. Responsabile regionale per l’organizzativo Massimo Gionfriddo, chi si occuperà del tesseramento sarà, invece, Massimiliano Rosselli, mentre Tesoriere sarà Saverio Cuci. Fabio Cantarella ed Igor Gelarda confermati responsabili Enti Locali rispettivamente Sicilia Orientale e Sicilia Occidentale.

Tra i commissari provinciali si segnala Massimiliano Rosselli ad Agrigento, Oscar Aiello a Caltanissetta, Anastasio Carrà a Catania, Giuseppe Savoca ad Enna, Matteo Francilia a Messina, Antonio Triolo a Palermo, Leandro Impelluso a Siracusa, Bartolo Giglio a Trapani.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI