Forze dell’ordine, l’annuncio di Salvini: “In arrivo 672 rinforzi in Sicilia”. Ecco dove

In arrivo rinforzi delle forze dell’ordine, in beve tempo in Sicilia. 672 donne e uomini in divisa per i presìdi siciliani. Sono gli operatori delle Forze dell’ordine che arriveranno nei prossimi mesi nelle province della Sicilia. Lo rende noto, in un comunicato, il ministero dell’Interno.
E presto saranno ancor più rafforzate dai 4.290 allievi carabinieri che verranno immessi in servizio entro il 2023 e in quota parte destinati anche in regione. In particolare un contingente interforze di 479 unità sarà già operativo dal prossimo 1 luglio nell’ambito del potenziamento degli uffici delle Forze dell’ordine predisposto in vista della bella stagione e finalizzato a specifici progetti individuati dal Viminale.

Di questi 100 a Palermo, 47 a Catania, 34 ad Agrigento, 10 a Caltanissetta, 15 ad Enna, 98 a Messina, 26 a Ragusa, 42 a Siracusa e 107 a Trapani. Ulteriori 193 agenti della Polizia di Stato, assunti a seguito dei concorsi programmati, entro aprile 2020, saranno distribuiti nelle varie questure: 60 a Palermo, 30 a Catania, 10 ad Agrigento, 15 a Caltanissetta, 20 ad Enna, 25 a Messina, 8 a Ragusa, 10 a Siracusa e 15 a Trapani.

“Felice di annunciare l’arrivo di nuove Forze dell’ordine in Sicilia – afferma il ministro dell’Interno Matteo Salvini – Avevamo promesso assunzioni e particolare attenzione al territorio. Stiamo mantenendo la parola, dopo anni di tagli che hanno penalizzato le donne e uomini in divisa a discapito della sicurezza». (ANSA).

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI